Gioco Illegale

Quì potrete presentarvi e parlare di ciò che volete, nel rispetto delle regole.
Rispondi

Autore Argomento

patrizio

Utente Guru
Messaggi: 821
FC: 1220Fanta Coin
Messaggi/giorno: 0,79
Reazioni: 72
Iscritto il: 19/06/2018 - 21:54

#1

Messaggio da patrizio » 05/02/2021 - 14:36

Un rapporto speciale a cura di Joey D'Urso, di 'The Athletic Uk', e diffuso da Glms denuncia il rischio di promozione del gioco illegale attraverso il calcio.
Le società di gioco d'azzardo con sede nei Paesi asiatici, che operano tramite intermediari offshore e sfruttano il sistema "white label", utilizzano il calcio della Premier League come un cartellone pubblicitario per raggiungere i consumatori in Cina, dove il governo non consente il gioco d'azzardo. 

È la denuncia che emerge da un'indagine esclusiva, basata su dozzine di conversazioni con addetti ai lavori in Asia ed Europa, pubblicata dal “The Athletic” e a cura di Joey D'Urso, giornalista di inchiesta prestato al mondo dello sport, con trascorsi in Reuters, Bbc News, BuzzFeed News, Wired e Sunday Times.

Secondo quanto emerge dall'inchiesta, divulgata attraverso un rapporto speciale da Glms - Global lottery monitoring system, le autorità britanniche hanno ammesso che vengono oggi effettuati controlli insufficienti per proteggersi dal riciclaggio di denaro e dalle attività criminali.

Queste rivelazioni - che peraltro riprendono il grido d'allarme già lanciato molto tempo prima dalla stessa Glms - arrivano mentre il Governo del Regno Unito sta conducendo un'importante revisione nel settore del gioco d'azzardo, che dovrebbe esaminare da vicino anche la questione della sponsorizzazione del calcio.
Viene anche illustrato, peraltro, che la Gambling Commission ha ammesso di "preoccuparsi" che alcuni white label i siti Web potrebbero non disporre di controlli antiriciclaggio efficaci o eseguire una "due diligence sufficiente" sui siti Web per garantire che non vi siano "collegamenti ad attività criminali".

L'INCHIESTA - Tutto nasce dal luglio 2019: i Wolves hanno battuto il Newcastle 4-0 in un'amichevole pre-campionato nella città cinese di Nanchino. Era lo stesso giorno in cui Steve Bruce era stato nominato capo allenatore del Newcastle, ma c'era un altro motivo per cui la partita risulta oggi degna di nota. Entrambi i gruppi di giocatori indossavano adattamenti speciali delle loro maglie per evitare la situazione imbarazzante di infrangere le leggi locali. Nello specifico, le solite maglie di Wolves e Newcastle erano entrambe pubblicizzate da società di gioco d'azzardo asiatiche. Ma non si tratta di casI isolati. Anzi. La Premier League ne è piena. Ma il fatto di nascondersi, bensì di tenere in bella vista certi brand è un fatto imbarazzante, visto che il Governo cinese non consente il gioco d'azzardo. Questo è il motivo per cui il Newcastle ha sostituito Fun88 con l'App National Sports, che i fan hanno sottolineato avere un logo notevolmente simile a quello della società Sports Direct del proprietario Mike Ashley, per la partita a Nanchino. I lupi hanno abbandonato ManBetX per Fosun, il conglomerato cinese che possiede il club.
“C'era una volta nella massima serie, la stazione radio Classic Fm che sponsorizzava le maglie del Queens Park Rangers – scrive il giornalista all'inizio dell'inchiesta -, il logo degli yogurt Muller campeggiava sul petto dei giocatori dell'Aston Villa e il logo di Pizza Hut aveva un posto d'onore sulla divisa del Fulham. Ora, è più probabile vedere annunci di aziende - spesso con caratteri cinesi e il fortunato numero otto - che promuovono il gioco d'azzardo per gli spettatori asiatici: un audience enorme, trattandosi di un Paese con circa 1,4 miliardi di persone e un'ossessione per la Premier League e il gioco d'azzardo in tutte le sue forme. Eppure promuovere società di gioco d'azzardo in Cina è illegale”.
“In questa stagione, otto dei 20 principali sponsor di maglia della Premier League sono società di gioco d'azzardo, mentre quasi tutti i club del campionato hanno una partnership con almeno una società di scommesse con pubblicità che compaiono intorno agli stadi e sui tabelloni davanti ai quali i giocatori danno interviste pre e post partita. Alcuni di questi sono nomi familiari ai giocatori d'azzardo del Regno Unito, società come William Hill e Bet365, che detengono direttamente una licenza con la UK Gambling Commission. Tuttavia, molte altre sono oscure aziende asiatiche tra cui LoveBet, sponsor del Burnley, e si ritiene che l'Athletic dalla scorsa settimana stia attraversando difficoltà finanziarie”.
 

SPONSOR DI BETTING NELLA PREMIER LEAGUE - Le società evidenziate nel rapporto (che riproponiamo qui) accedono al mercato del Regno Unito con i cosiddetti accordi "white label", il che significa che le autorità britanniche e i club che prendono i loro soldi spesso hanno poca idea dei marchi dietro di loro o di come vengono finanziati. "Quello che molti appassionati di calcio non capiranno è quanto poco interesse abbia la maggior parte di queste aziende per il mercato britannico e per gli scommettitori britannici", afferma Alun Bowden, responsabile dei mercati europei presso la società di ricerca statunitense Eilers & Krejcik Gaming. "Si tratta solo di cercare di ottenere visibilità del marchio nei mercati asiatici in cui la pubblicità del gioco d'azzardo è vietata o fortemente limitata. È un gioco nel gioco e tu non stai giocando".
Il settore vale "miliardi di dollari", con un bonus deposito offerto ai giocatori che si registrano al bookmaker per la prima volta fino a 500 dollari, mentre i club nella metà inferiore della Premier League "fanno molto affidamento" sul reddito multimilionario di queste operazioni. I club sanno molto poco sulla natura delle società i cui loghi vengono appiccicati sulle loro maglie e sui cartelloni pubblicitari degli stadi. Poche di queste società hanno una presenza significativa nel Regno Unito e il loro personale e il loro finanziamento rimangono opachi. Preoccupazioni forti per l'impatto che questo ha in Asia, con i tifosi di calcio che rischiano la prigione se seguono le pubblicità che vedono durante le partite televisive.
Carolyn Harris MP, presidente del Gambling Related Harm All-Party Parliamentary Group, descrive la situazione attuale come "sbalorditiva", con i club che "promuovono attivamente le aziende asiatiche che non hanno traccia cartacea, che cercano di invogliare il gioco d'azzardo in Cina, dove il gioco d'azzardo il calcio è illegale”, si legge nell'inchiesta. "Abbiamo bisogno di un'azione immediata su questo", aggiunge. Il mese scorso, l'Aston Villa ha affrontato il Liverpool in FA Cup. La squadra della prima squadra di Villa si è auto-isolata a causa di un'epidemia di coronavirus, quindi ha dovuto schierare giocatori giovanili in Coppa. Quei giocatori erano per lo più troppo giovani per piazzare legalmente una scommessa, quindi Lt, lo sponsor del Villa, venne mollato per quella sera. Gli annunci di giochi a distanza non possono essere visualizzati nemmeno sulle maglie per ragazzi vendute al grande pubblico. A metà della stagione, Lt non ha neppure un sito web funzionante nel Regno Unito, solo una pagina segnaposto che dice "una volta attivo il nostro sito fornirà ai giocatori del Regno Unito una piattaforma di scommesse sportive e casinò". Tuttavia, un sito web in lingua cinese per la società, registrato sulla minuscola isola caraibica di Curaçao, presenta il famoso attaccante di Villa, Ollie Watkins, e propone "scommesse sportive".
Altre società come ManBetX e Fun88 hanno siti web, ma questi sono generalmente gestiti da società intermedie in luoghi come l'Isola di Man e Malta, il che significa che le diverse pagine degli sponsor della Premier League spesso sembrano molto simili tra loro.
Ad esempio, Fun88, che sponsorizza anche cartelloni pubblicitari attorno allo stadio Tottenham Hotspur, paga una società chiamata Tgp Europe, con sede nell'Isola di Man, per gestire il suo sito web. Ciò significa che è praticamente identico a quello di Yabo Sports, che ha accordi con il Manchester United e Leicester City. TGP Europe ora gestisce anche un sito per Sbotop, sponsor del Leeds United, sebbene per le prime settimane della stagione la società avesse semplicemente una pagina segnaposto. Non è chiaro, tuttavia, se Sbotop è nella stessa categoria di altri sponsor white label, poiché non è chiaro che si rivolgono ai clienti in Cina. Tuttavia, non è nemmeno chiaro dove abbiano sede queste società di gioco d'azzardo o chi le gestisca. L'Athletic ha chiesto ai club e contattato l'indirizzo e-mail fornito su questi siti web segnaposto, spesso lo stesso indirizzo e-mail per una società intermediaria come Tgp Europa.
 
IL SISTEMA FRAUDOLENTO - Queste società "white label" legate al calcio sono gestite da un ufficio nell'Isola di Man o Malta per ottenere l'accesso legale al mercato del Regno Unito e fare pubblicità legalmente sulle maglie della Premier League. Questo processo comporta la creazione di un sito Web progettato per "avere l'aspetto di un'azienda o di un marchio, ma i contenuti ei servizi forniti sul sito Web sono gestiti e gestiti da una società di gioco d'azzardo autorizzata", afferma la Gambling Commission. "Questo è tipicamente un accordo commerciale in cui entrambe le parti condividono i profitti del sito web". Un portavoce della Gambling Commission ha dichiarato a The Athletic: "Laddove un operatore stipuli un contratto con una terza parte, ci aspettiamo che gli operatori che concediamo in licenza eseguano tutte le necessarie due diligence per assicurarsi che il rapporto proposto non sarà in alcun modo di compromettere la conformità dell'operatore". Ma questi operatori non hanno sede nel Regno Unito, non chiariscono chi li gestisce e non rispondono alle richieste della stampa.
"Dato il fascino globale della Premier League, la pubblicità sulle magliette da calcio è un modo per aggirare i divieti pubblicitari nei paesi in cui il gioco d'azzardo online è illegale, come la Cina", afferma Matt Zarb-Cousin, direttore di Clean Up Gambling. “Consentendo a questi operatori di farlo fare pubblicità tramite etichette bianche in Gran Bretagna, stiamo effettivamente contribuendo a facilitare il gioco d'azzardo illegale all'estero ". Accusando gli sponsor della Premier League che lo fanno di "trarre profitto da paesi in cui non c'è regolamentazione e senza pagare per i servizi a sostegno di coloro che diventano dipendenti".
Leo Ma è un direttore del marchio per uno dei più grandi gruppi di scommesse nelle Filippine, con una notevole esperienza nella negoziazione di accordi tra società di gioco e club di calcio della Premier League. Dice che una volta ha cercato di ottenere direttamente una licenza di gioco d'azzardo nel Regno Unito per una società, ma è stato un "processo difficile, complicato e lungo". Ma pagare un intermediario per acquisire una "licenza white label" non è altrettanto oneroso. "Paghi solo una commissione di servizio", spiega. ManBetX, che sponsorizza le magliette dei lupi, ha un accordo con Vivaro Limited, una società con sede a Malta che lo scorso anno è stata multata di oltre 700mila dalle autorità maltesi per aver violato 10 disposizioni della Prevenzione del riciclaggio di denaro di quel paese e Regolamento sul finanziamento del terrorismo.
Il consulente di gioco d'azzardo Bowden afferma che tali intermediari offshore gestiranno tutte le funzioni del sito Web - accettare scommesse, pagare vincite e interagire con i clienti - nonostante il fatto che pochissime persone probabilmente utilizzino questo servizio perché l'attività sostanziale è con sede in Asia. In quanto consumatore del Regno Unito, è possibile piazzare scommesse attraverso la maggior parte di questi siti web (fa eccezione lo sponsor di Villa Lt, con un sito web segnaposto che non funziona affatto). Ma questo non è il vero business pubblicizzato.
"L'attività dei marchi rivolta al Regno Unito potrebbe in definitiva essere solo un piccolo team di marketing, o anche solo un solo ragazzo in un ufficio che tratta con il fornitore di white label", afferma Bowden. "I bookmaker asiatici in genere non si rivolgono affatto a un pubblico del Regno Unito". Durante la stagione della Premier League 2018-19, Huddersfield Town ha giocato a Burnley in uno scontro in cui le maglie di entrambe le squadre trasportavano società di scommesse pubblicitarie cinesi. Entrambe le società hanno utilizzato i servizi di Vivaro. Ma due anni dopo, né Laba360 né Ope Sports hanno un sito web funzionante nel Regno Unito.
Altri sponsor recenti della Premier League hanno anche siti Web defunti, come M88, che aveva un accordo con Bournemouth fino a quando il club non ha interrotto i legami dopo che la Gambling Commission ha aperto un'indagine sulla società.
 
LA MANCANZA DI TRASPARENZA - Un broker che fa questi accordi, parlando in condizione di anonimato, ha detto all'Athletic che i club nella metà inferiore della Premier League “fanno molto affidamento sulla quota di gioco. Sarebbero in difficoltà se le scommesse non fossero consentite per le partnership”. Tuttavia, nonostante la firma di accordi del valore di milioni di sterline con i migliori club, molte di queste società sono completamente oscure, anche per le persone che vivono e respirano questo mondo, e forse anche per alcuni dei club che prendono i loro soldi.
"Anche in qualità di esperto del settore del gioco d'azzardo, mi imbatto spesso in marchi di cui non ho mai sentito parlare e in operazioni in cui non sarei in grado di dirti quale fosse il loro modello di business quotidiano", afferma Bowden. “Il Regno Unito è un mezzo per raggiungere un fine e c'è pochissima sovrapposizione tra queste aziende e la principale industria del gioco d'azzardo nel Regno Unito. Servono mercati completamente diversi con modelli operativi completamente diversi. Le versioni del sito rivolte al territorio britannico sono raramente rappresentative del business più grande finale". I club generalmente non esaminano molto dettagliatamente le finanze e le operazioni commerciali di queste società, afferma il direttore del marchio Ma, aggiungendo: "Non credo che (tutti i club) capiscano bene chi sia lo sponsor e cosa stiano effettivamente facendo".
Adrian Wright, un ex direttore di West Bromwich Albion che ora gestisce il sito di marketing www.sportinggi.com, afferma che le licenze white label sono viste dai club che considerano un accordo come prova sufficiente. "In termini di due diligence, ovviamente la Commissione per il gioco d'azzardo nel Regno Unito ha stabilito gli standard per il possesso di una licenza nel Regno Unito", afferma. "Non spetta a una squadra di calcio o a un agente indovinare cosa è richiesto nel Regno Unito". Eppure non è nemmeno possibile sapere con certezza dove hanno sede alcune di queste società, per non parlare di svolgere due diligence sui conti e gli amministratori delle società, come è possibile con qualsiasi società del Regno Unito tramite il sito web della Companies House. (L'Athletic si è avvicinato a tutti i club e società menzionata in questo articolo, con scarso successo). "Sappiamo molto poco su dove sono veramente basate molte di queste società, chi le possiede e da dove proviene la loro fonte di ricchezza", afferma James Noyes, membro senior del think tank della Social Market Foundation e autore di un importante rapporto sul gioco d'azzardo riforma. È molto probabile che le aziende che prendono di mira i consumatori cinesi attraverso il calcio inglese abbiano sede al di fuori della Cina, più comunemente nelle Filippine, secondo più fonti con cui parlano L'Atletico. Nessun club condividerebbe queste informazioni quando richiesto.
 
I RISCHI PER L'INTEGRITÀ DELLO SPORT - "È probabile che il valore di mercato sia di miliardi di dollari all'anno, motivo per cui c'è una tale proliferazione di queste società di scommesse online", spiega Jonathan Sullivan, esperto di questioni asiatiche presso l'Università di Nottingham. “Le dimensioni del mercato lo rendono utile tutto ciò che puoi per aggirare le restrizioni per far sapere ai clienti chi sei ed evitare il rilevamento e stare al passo con la censura e le autorità di regolamentazione". Rebecca Cassidy, autrice del libro "Vicious Games", afferma che il divieto degli operatori di gioco d'azzardo in Cina è rigorosamente applicato con frequenti incursioni e incarcerazioni. Ciò significa che i cinesi alle prese con problemi legati al gioco d'azzardo non hanno accesso al tipo di risorse per il gioco d'azzardo responsabile che ora sono fortemente promosse nel Regno Unito e in altri paesi in cui il gioco d'azzardo è legale. La Gambling Commission del Regno Unito, ad esempio, raccomanda alle aziende di donare lo 0,1 percento delle entrate annuali all'ente di beneficenza GambleAware. Ma l'anno scorso il Times lo ha riferito Tgp Europe ha donato solo 100 sterline, nonostante fosse il titolare della licenza per due accordi multimilionari.
"Il gioco d'azzardo in Cina danneggia la gente comune, oltre a facilitare il riciclaggio di denaro e la criminalità organizzata in alcuni casi", afferma Cassidy. “Il gioco d'azzardo consente il movimento di denaro attraverso e all'interno dei confini. È molto difficile per le autorità di regolamentazione del Regno Unito e il pubblico capire cosa sta succedendo".
All'inizio di quest'anno, il Global Lottery Monitoring System (Glms) ha anche avvertito che queste offerte potrebbero "danneggiare l'integrità sportiva". "Gli enormi mercati asiatici delle scommesse facilitano le scommesse illegali, le partite truccate e la corruzione nello sport", afferma il rapporto. “Questo chiaramente lascia gli sport e le squadre che professano di amare l'integrità sportiva aperti ad accuse di ipocrisia. “Gli operatori di scommesse orientati verso l'Asia fanno leva sulla loro associazione con rispettate squadre sportive per legittimare i loro prodotti e rivolgersi ai clienti in Asia, dove sia il calcio europeo che le scommesse sono estremamente popolari. Per le squadre sportive e gli organi di governo ufficiali, ciò dovrebbe sollevare preoccupazioni in quanto gli operatori asiatici di scommesse commercializzano i clienti nelle giurisdizioni in cui la maggior parte delle scommesse online è illegale o illegale ".
 
VENTO DI CAMBIAMENTO - Alcune squadre di calcio stanno ora ripensando a questo rapporto difficile con gli operatori del gioco d'azzardo asiatici. La scorsa stagione ha visto un calo del numero di sponsor del gioco d'azzardo in Premier League, con otto sul davanti delle 20 maglie dei club, in calo rispetto ai 10 nel 2018-19. "I club stanno mostrando cautela poiché il futuro del marketing sportivo per il settore delle scommesse è sotto il microscopio", afferma Wright.
All'inizio di quest'anno, l'Everton ha interrotto i rapporti con SportPesa, una società di scommesse keniota, (https://theathletic.com/1616674/2020/02 ... onsorship/) in seguito alle preoccupazioni sugli effetti del gioco d'azzardo in questo Nazione africana. Liverpool, Chelsea e Spurs hanno abbandonato gli accordi con 1XBet, un'altra società di gioco d'azzardo, dopo che sono emerse accuse secondo cui l'azienda avrebbe scommesso su sport per bambini e combattimenti di galli in live streaming. 1XBet ha sospeso la sua attività nel Regno Unito e ha avviato un'indagine, affermando che il suo marchio era stato promosso su siti vietati. I club che hanno accordi con società di gioco d'azzardo asiatiche possono anche trattare queste società in modo diverso rispetto ai marchi di consumo più tradizionali. Ad esempio, un club inglese con un importante contratto di sponsorizzazione con una società di gioco d'azzardo asiatica ha una clausola che significa che i giocatori più vecchi e meno preziosi appariranno più spesso in questi annunci e giocatori attuali, più preziosi, meno frequentemente, per evitare di essere eccessivamente associato a un settore sottoposto a un controllo sempre maggiore.
Il mese scorso, il ministro del governo britannico Nigel Huddleston ha dichiarato al Parlamento che gli operatori del gioco d'azzardo "dovrebbero obbedire alle leggi di tutte le altre giurisdizioni in cui operano". Steam si sta anche riunendo nel Regno Unito per le modifiche ai regolamenti che consentono agli operatori offshore di sponsorizzare i club della Premier League.
Con la revisione del gioco d'azzardo del governo britannico in arrivo, potrebbero esserci cambiamenti radicali nel modo in cui funziona il sistema. Alcuni attivisti, come il dottor Noyes, stanno sostenendo una revisione totale del sistema.
La revisione in corso del Governo del Regno Unito rileva che "sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che le società che forniscono i marchi potrebbero cercare di utilizzare accordi di etichetta bianca in quanto non sarebbero in grado di soddisfare gli standard normativi GB richiesti per ottenere una licenza".
"La Commissione per il gioco d'azzardo ha bisogno di controllare la situazione", afferma Noyes. "Ma lo fanno anche le stesse squadre di calcio, che non dovrebbero mettere i profitti di marketing a breve termine al di sopra degli interessi a lungo termine dei loro tifosi e dell'integrità del loro sport". Carolyn Harris MP concorda: "È necessario porre grandi domande ai club che ricevono questo denaro e la Commissione per il gioco d'azzardo deve rivedere urgentemente l'uso e l'adeguatezza delle etichette bianche".
 
 
 
 
 
 



Rispondi

Chi c’è in linea

Ora in questa categoria: Nessuno e 1 ospite