British Champions Day - Ascot 17.10.20

Qui si parla sul Galoppo in generale, nazionale ed internazionale.. Di tutto tranne del pronostico della giornata odierna, di cui si parla nel topic relativo alla giornata.

Moderatore: Moderatori Galoppo

Rispondi
Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#1

Messaggio da orecchielunghe » 11/10/2020 - 9:14

Il 17 ottobre sarà il giorno della decima edizione del Qipco British Champions Day, che proporrà le tradizionali sei corse, delle quali quattro di gruppo 1, una di gruppo 2 ed il terribile Balmoral Handicap, a chiusura di giornata, per 20 partenti.

Il programma della giornata è il seguente:

The QIPCO British Champions Long Distance Cup (Class 1) (Group 2)
3+
£300,000
1m 7f 209yds
vincitore 2019: Kew Gardens (Aidan O'Brien/Donnacha O'Brien)
favorito ante-post 2020: Stradivarius (6-4)

The QIPCO British Champions Sprint Stakes (Class 1) (Group 1)
3+
£350,000
Six furlongs
vincitore 2019: Donjuan Triumphant (Andrew Balding/Silvestre De Sousa)
favorito ante-post 2020: Dream Of Dreams (9-4)

The QIPCO British Champions Fillies’ and Mares’ Stakes (Class 1) (Group 1)
3+
£350,000
1m 3f 211yds
vincitore 2019: Star Catcher (John Gosden/Frankie Dettori)
favorito ante-post 2020: Enable (13-8)

The Queen Elizabeth II Stakes sponsored by QIPCO (British Champions Mile) (Class 1) (Group 1)
3+
£650,000
One mile
vincitore 2019: King Of Change (Richard Hannon/Seal Levey)
favorito ante-post 2020: Palace Pier (5-6)

The QIPCO Champion Stakes (British Champions Middle Distance) (Class 1) (Group 1)
3+
£750,000
1m 1f 212yds
vincitore 2019: Magical (Aidan O'Brien/Donnacha O'Brien)
favorito ante-post 2020: Mishriff (11-4)

The Balmoral Handicap Stakes (Sponsored by QIPCO) (Class 2)
3+
£100,000
One mile
vincitore 2019: Escobar (David O'Meara/Adam Kirby)
favorito ante-post 2020: Raaeq (6-1)

In attesa dei campi partenti, delle guide runner-by-runner dei gruppi 1, dei pronostici e dei commenti e video post-corse, andiamo a rivedere gli highlights dell'edizione 2019 del Qipco British Champions Day.


 


se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 3206
FC: 1575Fanta Coin
Messaggi/giorno: 4,52
Reazioni: 2565
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#2

Messaggio da pacman » 12/10/2020 - 23:22

Sabato ci sarà da divertirsi, intanto l'ipotesi ritiro in razza sembra scongiurata per Stradivarius che è stato dichiarato partente con Frankie a bordo nella Long Distance Cup, corsa in cui tenterebbe la doppietta con il 2018 dopo essere stato sconfitto lo scorso anno da Kew Gardens.
1 Immagine

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#3

Messaggio da orecchielunghe » 13/10/2020 - 10:17

Magical va per la tripletta nelle Champion Stakes, dopo la vittoria dell'anno scorso e quella di quest'anno nelle Irish.

Immagine

https://www.racingtv.com/news/magical-a ... stakes-mix
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 3206
FC: 1575Fanta Coin
Messaggi/giorno: 4,52
Reazioni: 2565
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#4

Messaggio da pacman » 15/10/2020 - 18:59

I partenti del Champions' Day di sabato: https://www.racingpost.com/racecards/2/ascot/2020-10-17

Nella giornata di domani arriveranno i miei pronostici, in attesa del sontuoso commento dell'amico orecchielunghe. Nel frattempo qualche anticipazione...

Long Distance: Stradivarius corre contro le tossine di Longchamp ed un paio di Coolmore per niente male, anche se O'Brien poteva schierare di meglio ed il betting infatti dice che quello di Frankie si gioca a 10/11.

Sprint: manca Battaash ma ci sono Oxted e Dream Of Dreams. Saranno in 17 senza alcun favorito netto e con ampio
spazio alle sorprese.

- Fillies & Mares: molto molto combattuta con le varie Frankly Darling, Mehdaayih e Dame Maillot che affascinano sempre molto, tuttavia la Wonderful Tonight apprezzata a Longchamp richiama notevoli attenzioni, specialmente sull'atteso terreno faticoso.

QEII: Kameko direttamente in America per la BC' Mile, quindi ecco che The Revenant potrebbe migliorare il secondo posto dell'anno scorso venendo avanti rispetto alla comunque convincente prova francese. Da battere Palace Pier che stando alla carta ha una marcia in più rispetto a tutti i rivali.

Champion: Magical per la storia, ma battere Mishriff non sarà facile anche se la Coolmore sta veramente bene. Curioso di rivedere finalmente Serpentine in contesto importante dopo il forfait forzato nell'Arc, così come occhio alla presenza di Skalleti che se a novembre viene per il Premio Roma potrebbe dare valori importanti al nostro galoppo.

 
1 Immagine

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#5

Messaggio da orecchielunghe » 16/10/2020 - 9:03

La prima prova di gruppo 1 del British Champions Day sono le Qipco British Champions Sprint Stakes, per 17 al via.

https://www.racingtv.com/racecards/asco ... &sort=card

Diamo uno sguardo alle caratteristiche dei concorrenti:

BRANDO (66-1)
Esperto sprinter, per il quale i giorni migliori sembrano essere lontani. Ultima vittoria in condizionata a giugno 2019, dopodichè ha corso sempre in pattern company. Ottimo secondo del Prix Maurice De Gheest (Gr 1) 2019, ha poi ottenuto nel 2020 un secondo ed all'ultima un terzo posto in gruppo 3. Il terreno non sarà un problema, ma sembra in fase calante e pur avendolo spesso appoggiato in passato, stavolta penso di lasciarlo fuori. Corre all'attesa nelle retrovie.

CAPE BYRON (14-1)
Assente dalla scorsa edizione di questa corsa nella quale finì nelle retrovie, ha comunque vinto su questa pista in tre occasioni, due su questa C&D (una in gruppo 3) ed una a 7f. Terzo in gruppo 2, ha fallito i due appuntamenti di gruppo 1. Su terreno soft ha già vinto, anche se in seguito aveva deluso. Corre tra i primi. Sembra più un cavallo da grossi handicap, e l'assenza di un anno lascia qualche dubbio sulla sua condizione, anche se il team lo presenta con fiducia.

CHIEFOFCHIEFS (100-1)
Dopo la campagna emira nel complesso negativa, vinceva la Silver Wokingham Cup su questa C&D, ma per il resto non ha ottenuto altro di rilevante. Corre all'attesa nelle retrovie, sul terreno soft aveva vinto in passato, ma francamente non ha titoli tali da essere considerato uno soggetto da podio.

DREAM OF DREAMS (15-8)
Netto favorito della corsa, per due anni di fila ha trovato uno meglio nelle Diamond Jubilee Stakes (Gr 1) del Royal Ascot, ma nelle ultime due ha impressionato vincendo le Hungerford Stakes (Gr 2) e la Sprint Cup (Gr 1). Bene su terreno soft, corre al coperto nelle retrovie ed è dotato di uno spunto davvero notevole. A Newbury alla penultima sembrava andare così veloce che non è nemmeno rimasto nelle posizioni di coda, rimanendo più a contatto dei primi ed allungando per vincere con sette lunghezze di margine. La quota è molto bassa, ma la qualità è eccezionale. Anche ad una quota inferiore al 2-1 penso vada considerato.

GLEN SHIEL (14-1)
Tre vittorie e due secondi posti nelle ultime cinque corse, con la piazza d'onore non lontano da Dream Of Dreams nella Sprint Cup (Gr 1) gli valgono il ruolo di possibile sorpresa. Vincitore di gruppo 3, il meglio lo ha dato ad Haydock Park, e sulle ali della forma potrebbe diventare pericoloso, con l'ausilio di Hollie Doyle, che recentemente ha battuto il record di vittorie stagionali per una jockette in Gran Bretagna. Corre solitamente nella prima metà del gruppo.

HAPPY POWER (22-1)
Forma super per questo specialista dei 7f, che tenta i 6f sulla scorta di tre vittorie a fila, salendo ogni volta di categoria, fino alla vittoria nelle Challenge Stakes (Gr 2) una settimana fà. Bene sul terreno soft, alterna i 7f ed il miglio, sui 6f non corre da oltre due anni e mai in listed o pattern company. Questo sembra essere il limite maggiore alle sue chances, ma la forma recente ha spinto il team a provarci, io personalmente temo che possa essere preso in velocità e lo lascerò fuori dai miei calcoli. Corre dietro il leader.

OXTED (7-1)
Dopo aver fallito il primo approccio alla pattern company nel 2019, l'ha affrontata nuovamente con ottimi risultati quest'anno. Chiudeva la scorsa stagione con una vittoria in un handicap di classe 2 a Doncaster, per ripresentarsi quest'anno vincendo in gruppo 3 e successivamente nella July Cup (Gr 1), sempre con il talentuoso allievo Cieren Fallon in sella. Corre seguendo i primi attaccando a palo lontano. Non ha mai trovato un terreno soft, ma il soggetto è in crescita e non si sa dove possa arrivare. Big player.

SPEAK IN COLOURS (50-1)
Dopo le due vittorie in gruppo 3 e 2 in Irlanda, ha deluso nelle due seguenti in gruppo 3 ed in listed all'ultima, pur essendo favorito poco sopra la pari. Ha vinto recentemente sul terreno soft su una pista molto selettiva, ma le ultime due hanno denotato una forma scadente, e vedo difficile un suo inserimento nella lotta per le prime posizioni. Corre in gruppo.

THE TIN MAN (28-1)
Vecchio specialista dei 6f, partecipa a questa corsa dal 2015 e l'ha vinta nel 2016. E' uno dei miei cavalli preferiti, avendolo appoggiato praticamente ogni volta che correva, ma di recente l'ho abbandonato, poiché penso che i suoi giorni migliori siano lontani e mi pare un ex cavallo da corsa. Mi ha sorpreso il secondo posto all'ultima in gruppo 3 a York, sia per il piazzamento che per il fatto che gli sia stata data una corsa ad una sola settimana da questo appuntamento. Memorabile la vittoria ad Haydock Park nella Sprint Cup 2018, recuperando metro su metro su un terreno faticoso che anche in questo caso lo favorirà nel suo recupero dalle retrovie. Io sarò contento se otterrà un buon risultato, ma non lo appoggerò in questa occasione.

ART POWER (12-1)
Dopo quattro vittorie di fila tra fine 2019 ed il 2020, ha conosciuto due sconfitte nelle ultime due, entrambe in gruppo 1, nonostante fosse tra i più attesi. Molto appoggiato al gioco nelle ultime tre vittorie, ha sostanzialmente deluso di recente, ma non mi sorprenderebbe di ritrovarlo a lottare per le prime posizioni, poichè il motore c'è ed il terreno lo fa e bene. Corre al comando o tra i primissimi.

DUBAI STATION (100-1)
Vincitore e terzo in stagione in gruppo 3, ha fallito a livelli superiori, e non sembra nemmeno troppo a suo agio sul terreno soft. Corre al coperto in gruppo. Non penso abbia possibilità di podio.

LOPE Y FERNANDEZ (16-1)
Dopo il terzo posto nelle Irish 2000 Guineas (Gr 1), è tornato ad accorciare il viaggio, ottenendo un secondo ed un terzo posto rispettivamente nel Prix Jean Prat (Gr 1) e nel Prix Maurice De Gheest (Gr 1) a Deauville. Aveva però fallito completamente la Commonwealth Cup (Gr 1) del Royal Ascot e la Sprint Cup (Gr 1) di Haydock Park, dalla quale rientra. E' un soggetto che ho seguito spesso, forse prometteva di più, ma lo ritengo in grado di correre, una volta ogni tanto quando in giornata ed in una corsa con svoglimento favorevole, da protagonista. Corre all'attesa nelle retrovie, e come detto gli deve andare tutto bene. Il terreno non è un problema.

STARMAN (10-1)
Imbattuto in tre corse, all'ultima vince in listed race mettendo in atto la sua tattica di corsa a centro gruppo per allungare nel finale. Ha disputato una corsa al mese, e la quarta è questo gruppo 1 che ad occhio sembra al di sopra delle sue possibilità, ma su un ulteriore progresso potrebbe contare. Sembra essere il black horse della situazione, io però mi orienterò su qualcuno più esperto ed affermato.

ONE MASTER (6-1)
Cavalla che apprezzo moltissimo, specialista dei 7f sui quali ha vinto per l'ennesima volta il Prix de la Foret (Gr 1) sul gradito terreno pesante. Nell'annata conta una vittoria in gruppo 3 e due secondi posti in gruppo 2, per l'occasione viene chiamato Pierre-Charles Boudot che l'aveva interpretata diverse volte in passato, ed anche nell'edizione 2019 di questa corsa quando era seconda, dopo un percorso piuttosto complicato. Corre all'attesa nelle retrovie, e come il favorito Dream Of Dreams è dotata di un ottimo finish. Penso sia più efficace sui 7f, ma il terreno allungherà di fatto il viaggio riducendo il gap. Entra a pieno titolo nelle mie considerazioni.

SONAIYLA (20-1)
Soggetto che ho seguito a più riprese quest'anno in Irlanda, anche se dopo i due successi in handicap, non è riuscita a vincere in pattern company, ottenendo un secondo posto in gruppo 3 battuta di poco da Glen Shiel ed un terzo sui 5f in gruppo 1 nelle Flying Five Stakes. Perfettamente a suo agio sul terreno faticoso, corre a centro gruppo ed avanza a palo lontano, forse le manca qualcosa nel finale ma come sorpresa non mi sento di escluderla del tutto.

JOUSKA (50-1)
La vittoria all'ultima sui 6f di Newmarket in listed race una settimana fà autorizza qualche speranza, ma francamente il livello di questa corsa mi sembra oltre le sue potenzialità. Penso possa correre bene sul terreno soft, ma temo che la strada per il podio sia decisamente in salita. Altra attendista da posizioni di retroguardia, avrà dalle sue parti altri soggetti decisamente più veloci, e starci dietro non sarà facile. Sarà per un'altra volta.

ONASSIS (40-1)
Torna a correre sui 6f dopo oltre un anno, passato tra i 7f ed il miglio, con risultati alterni. Vincitrice di un handicap di classe 2 al Royal Ascot, ha poi riportato due listed races ma ha fallito in pattern company. Benissimo sul pesante, dovrà cercare lo spazio per correre tra gli altri attendisti presenti in questa corsa, che sembra essere decisamente a trazione posteriore. La vedo piuttosto dura.
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#6

Messaggio da orecchielunghe » 16/10/2020 - 11:18

Saranno 12 le femmine a prendere parte alla seconda corsa di gruppo 1 della giornata, le Qipco British Champions Fillies & Mares Stakes.

https://www.racingtv.com/racecards/asco ... &sort=card

Vediamo più da vicino la carta delle partecipanti:

ANTONIA DE VEGA (5-1)
Solo otto corse in carriera ad ottobre dei 4 anni, quest'anno due uscite e due vittorie in listed ed in gruppo 3. Corre all'attesa ed è dotata di un buon allungo, il terreno non sarà un problema solo che ha fallito in entrambi i tentativi in gruppo 1, il secondo dei quali in questa corsa nel 2019. Per un soggetto con poche cartucce da sparare, due corse così vicine mi sembrano un azzardo. Sinceramente a questa quota la lascerò fuori, peccato per la sua fragilità perchè le potenzialità ci sono, ed il miglio e mezzo è la sua distanza.

DAME MALLIOT (9-2)
Ha seguito un percorso da star, con sole tre corse nell'annata tutte sul miglio e mezzo. Vincitrice in gruppo 2, è poi stata due volte terza in gruppo 1 in Germania ed in Francia. Buona attendista, con sole otto corse in carriera con quattro vittorie ed altri tre podi, francamente mi ha deluso parecchio all'ultima a Longchamp nel Prix Vermeille (Gr 1) e non mi convince più di tanto. Penso comunque che possa correre bene sul terreno faticoso.

MANUELA DE VEGA (18-1)
Frontrunner vincitrice in gruppo 3 e 2 nelle prime due corse del 2020, ha successivamente deluso nelle due successive a livello di gruppo 1, finendo penultima rallentata nel Prix de Royallieu (Gr 1). Bene in passato su terreno pesante, ma la sua dispendiosa tattica di testa potrebbe essere messa in atto in funzione delle chances della compagna di colori Antonia De Vega. Non penso possa accampare pretese di podio.

MEHDAAYIH (14-1)
Tre vittorie all'attivo nel 2019 fino a livello di gruppo 2, mentre quest'anno ha corso solo una volta, finendo nelle retrovie nelle Prince of Wales's Stakes (Gr 1). Ha corso sia in testa, che in gruppo, che nelle posizioni di coda, senza una tattica precisa. Gradisce il terreno soft, ma mi sembra piuttosto incostante ed anche se capace di sorprendere, preferisco puntare su qualche soggetto più affidabile.

CABALETTA (33-1)
Sei corse in carriera con tre vittorie, fino a livello di listed. Si è piazzata in pattern company, ma erano corse ristrette e non ha mai dato l'impressione di poter puntare alla vittoria. E' dotata di un buon finish e corre bene sui terreni faticosi, ma a questi livelli la vedo fuori dai giochi.

EVEN SO (13-2)
La vincitrice delle Irish Oaks (Gr 1) ed in precedenza di una listed, ha fallito l'appuntamento con il Prix Vermeille (Gr 1), forse a causa di un'andatura più lenta di quanto necessario, e della presenza di avversarie toste. Per mettere a segno il suo recupero dalle retrovie, ha bisogno di un ritmo più alto, che in questa corsa dovrebbe trovare. Bene sul pesante, ritrova il suo abituale interprete per ricomporre una delle connections che apprezzo di più in assoluto, formata da Ger Lyons e Colin Keane. Entra nelle mie valutazioni.

FRANKLY DARLING (14-1)
Dopo i due successi di inizio stagione, tra cui quello notevole delle Ribblesdale Stakes (Gr 2), ha deluso nei gruppi 1 delle Oaks di Epsom (3° a distacco, visibilmente sudata prima del via) e di York (penultima). Frankie le preferisce Mehdaayih, e questo è un dettaglio da non trascurare. Quando ha vinto al Royal Ascot, aveva seguito la leader allungando facilmente, ma quella linea si è dimostrata piuttosto debole. Anche se il terreno faticoso non sarà un problema, non mi intriga.

GOLD WAND (14-1)
Finita a centro gruppo nelle Oaks di Epsom (Gr 1), ha poi ottenuto un secondo posto ed una vittoria in listed, prima di finire quinta in un'edizione non eccezionale delle Blandford Stakes (Gr 2). Il ritorno al miglio e mezzo sarà un vantaggio, come il gradito terreno faticoso. Corre in gruppo, ma al di là della distanza, all'ultima non mi è piaciuta e preferisco altre soluzioni.

LABURNUM (20-1)
Vittoriosa al debutto ed in una listed, ha ottenuto un secondo posto ancora in listed e tre quarti posti in pattern company, segnatamente in gruppo 1 nelle Irish Oaks e nel Prix Vermeille. Corre solitamente a contatto dei primi o comunque nella prima parte del gruppo, ma non ha mostrato grandi potenzialità ed è stata già battuta da alcune delle avversarie. Non so quanto possa gradire il terreno soft. Non la prendo in considerazione nelle mie valutazioni.

PASSION (16-1)
E' la scelta di Ryan Moore, anche se per la verità le pedine del Coolmore non sembrano essere di primo livello. Frontrunner e recentemente impegnata su distanze maggiori, ha corso parecchio ottenendo una vittoria in gruppo 3 e due terzi posti in precedenza, mentre è finita quinta in gruppo 1 nelle ultime due. Penso che sarà costretta ad accodarsi, e se vorrà il comando dovrà lottare spendendo energie preziose. Non mi sembra la sua corsa, anche se il terreno faticoso è ok.

THUNDERING NIGHTS (14-1)
Buona pesantista, nell'annata vanta una vittoria in listed ed una in gruppo 3 su terreno pesante, prima del terzo posto all'ultima in gruppo 2. Corre a centro gruppo, mi sembra una buona cavalla ma niente di eccezionale. Per le piazze può forse contare, per la vittoria dovrebbe trovare una giornata negativa di troppe avversarie.

WONDERFUL TONIGHT (7-2)
La vincitrice del Prix de Royallieu (Gr 1) era in procinto di correre l'Arc de Triomphe, ma i costi della supplementazione e la prospettiva di un piazzamento marginale hanno convinto il suo team a volare più basso, ed il campo ha dato ragione a David Menusier. Soggetto che si trasforma sul terreno faticoso, aveva vinto in gruppo 3 e dopo il quinto posto del Prix Vermeille (Gr 1) su terreno forse troppo consistente, ha messo tutte dietro nella successiva. Non facile da gestire in corsa per il carattere esuberante ed una condotta talvolta dispersiva, dovrà essere tenuta al coperto per non esagerare lungo il percorso, ma credo che con uno svolgimento favorevole possa essere al palo. Big player.
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#7

Messaggio da orecchielunghe » 16/10/2020 - 13:17

La terza corsa di gruppo 1 del sabato di Ascot è rappresentata dalle Queen Elizabeth II Stakes (Sponsored by Qipco), con 14 alle gabbie.

https://www.racingtv.com/racecards/asco ... &sort=card

Ecco la guida runner-by-runner per conoscere meglio i soggetti al via:

CENTURY DREAM (18-1)
Due vittorie e due quinti posti nel 2020, l'ultimo dei quali da favorito in gruppo 2 dopo aver probabilmente osato troppo per prendere il comando e cedendo prima dell'ultimo furlong. Vincitore in gruppo 3 ed in gruppo 2 alla penultima, su terreno soft e seguendo il leader, potrebbe tornare alla ribalta osservando una tattica meno aggressiva, ma il livello di alcuni dei partecipanti è talmente alto che temo possa puntare al massimo ad un posto nel marcatore.

CIRCUS MAXIMUS (17-2)
Soggetto abbastanza giornaliero e capace di sorprendere sia in positivo che in negativo, è stato definitivamente impiegato sul miglio, con vittoria nelle Queen Anne Stakes (Gr 1) e con un secondo e due terzi posti nei successivi gruppi 1 della stagione, battuto nettamente da Palace Pier nel Prix Jacques Le Marois (Gr 1) e finendo piuttosto lontano dai primi nel Prix di Moulin de Longchamp (Gr 1). Se deciderà di impegnarsi potrebbe essere al palo, ma la sua incostanza di rendimento e le ultime due sotto standard mi suggeriscono di guardare altrove. Corre al comando o tra i primissimi.

DARK VISION (66-1)
C&D winner nella Royal Hunt Cup 2020, ha riportato all'ultima un gruppo 2 a Baden Baden ed ancora prima una listed a Pontefract. Promettentissimo a due anni, non ha effettuato un buon passaggio d'età rimanendo sostanzialmente nell'anonimato. Non sembra gradire i terreni faticosi ed a questo livello non mi sembra competitivo. Corre all'attesa nelle retrovie.

ESCOBAR (80-1)
Vincitore del Balmoral Handicap 2019 su terreno soft su questa C&D, lo avrei visto meglio a difendere il titolo piuttosto che impegnato a questo livello. Senza vittorie da allora, nel 2020 è stato al massimo terzo in gruppo 2 e 3. Dotato di buon finish dalle retrovie e già positivo su terreno soft, mi sembra fuori forma e categoria.

LANCASTER HOUSE (40-1)
Rientrato nel 2020 con una vittoria in gruppo 3 ed un secondo posto in gruppo 2 sui 7f, ha completamente fallito in gruppo 2 sul miglio del Curragh, pur essendo tra i più attesi. Frontrunner, dovrebbe agire come battistrada per Circus Maximus. Bene su terreno soft, ma chances proprie molto limitate.

LORD GLITTERS (25-1)
Vincitore del Balmoral Handicap 2017 e delle Queen Anne Stakes (Gr 1) 2019 su questa C&D, è al primo tentativo in gruppo 1 del 2020, dopo aver partecipato a quattro corse nelle quali è stato quarto, due volte terzo e secondo tra gruppo 2, gruppo 3 e listed. Attendista da last-to-first, sembra aver perso brillantezza ed inoltre ha bisogno di una corsa ad hoc per poter contare. Il fatto di essere in fase discendente e dipendente da uno svolgimento favorevole, pur avendolo seguito in passato ed apprezzando il terreno faticoso, in questa occasione lo lascio in panchina.

ROSEMAN (33-1)
Dopo una buona stagione dei tre anni nel 2019, quest'anno ha deluso nelle due corse alle quali ha preso parte, con il quarto posto nelle Queen Anne Stakes (Gr 1) di Circus Maximus e successivamente nel Prix d'Ispahan (Gr 1) finendo np. Difficile pensare ad un suo ritorno ad alti livelli in una corsa come questa, anche se su un terreno soft dovrebbe migliorare. Corre dietro ai primi.

SIR BUSKER (40-1)
Cavallo essenzialmente da buoni handicap, è stato secondo in gruppo 2 su terreno soft dietro Century Dream, mentre ha profondamente deluso all'ultima in un handicap di Newmarket. Meglio su terreno faticoso e sul miglio, corre all'attesa nelle retrovie. Penso che a parte il buon tentativo di Goodwood, rimanga essenzialmente un soggetto da handicap.

THE REVENANT (9-2)
Score quasi perfetto per questo cinque anni, che in carriera ha ottenuto nove vittorie, due secondi ed un terzo posto in dodici corse. Rientrato due settimane fà con una vittoria in gruppo 2 sul miglio di ParisLongchamp e su terreno pesante dopo una sosta di quasi un anno, successiva al secondo posto di questa corsa nel 2019, ha mostrato di essere tornato quello di una volta e potrebbe migliorare il risultato del 2019, anno nel quale aveva vinto in gruppo 2 e 3. Corre all'attesa nella seconda metà del gruppo ed adora i terreni faticosi, il mio dubbio è soprattutto che la corsa successiva al rientro dopo lunghissima pausa non è sempre positiva, soprattutto se lo stop è stato motivato da qualche problema di salute. In ogni caso, l'impressione destata a Parigi è stata di quelle buone e va senz'altro tenuto in grande considerazione.

MOLATHAM (50-1)
Bene ad Ascot in gruppo 3 con vittoria, meno bene in gruppo 1 a Deauville e terzo in gruppo 2 a Doncaster, sempre impiegato sui 7f. Torna al miglio sul quale non aveva impressionato, ed anche il terreno soft sembra non essere troppo gradito. Corre a centro gruppo e francamente penso che l'allungamento del viaggio non lo favorisca, anzi.

NAZEEF (12-1)
Imbattuta in sei corse sul miglio, benissimo sul pesante, ha riportato le Falmouth Stakes (Gr 1) ed all'ultima le Sun Chariot Stakes (Gr 1), correndo a traino dei leaders. C&D winner a giugno in gruppo 2, è proposta ad una quota molto interessante, e come sorpresa mi sembra la più probabile, anche se affrontare i maschi non è mai facile, considerando inoltre che i suoi successi sono arrivati in prove per sole femmine. Comunque ci penso su.

PALACE PIER (8-11)
Difficile prevedere una sua sconfitta per quello che sembra essere il più forte miler in circolazione al momento, pur essendosi affacciato molto tardi ai massimi livelli dopo aver partecipato a minor events e handicap. A segno nelle St James's Palace Stakes (Gr 1) battendo un certo Pinatubo allungando nel finale, e confermandosi anche su terreno faticoso a Deauville nel Jacques Le Marois (Gr 1), lasciando a quasi sei lunghezze Circus Maximus, sembra avere tutto dalla sua parte, inclusa la monta di Frankie. Corre all'attesa nelle retrovie. Netto favorito.

ROYAL DORNOCH (66-1)
Vincitore a sorpresa sul miglio di Newmarket in gruppo 2 nel 2019, sono stati più i fallimenti che i buoni risultati nella sua carriera. Dopo le prime due del 2020 negative, ha vinto in gruppo 3 a Leopardstown, ma all'ultima ha nuovamente deluso a livello superiore nel Boomerang Mile (Gr 2). Corre all'attesa nelle retrovie, bene sul terreno soft, ma credo che la corsa della vita l'abbia già fatta l'anno passato.

VERACIOUS (40-1)
Vincitrice delle Falmouth Stakes (Gr 1) 2019, quarta in questa corsa l'anno scorso, è rientrata quest'anno con una vittoria in listed da netta favorita, ma ha mancato l'appuntamento delle Sun Chariot Stakes (Gr 1) finendo nelle retrovie su terreno pesante. Corre in testa o tra i primi, preferirebbe un fondo più consistente e la forma non sembra essere al massimo. Outsider.
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#8

Messaggio da orecchielunghe » 16/10/2020 - 15:50

L'ultima corsa di gruppo 1, la più attesa ed importante della giornata, sono le Qipco Champion Stakes, che hanno richiamato 11 partenti.

https://www.racingtv.com/racecards/asco ... &sort=card

Vediamo la carta e le possibilità dei cavalli partecipanti:

ADDEYBB (10-1)
Annata quasi perfetta, iniziata con la vittoria in due gruppi 1 in Australia (Ranvet Stakes e Queen Elizabeth Stakes) e proseguita in patria con il secondo posto nelle Prince Of Wales's Stakes (Gr 1) dietro a Lord North ed il successo in listed ad Ayr, sempre sui 10f. Secondo a contatto di Magical nell'edizione 2019 di questa corsa. Corre abitualmente in gruppo, adora il pesante e penso sarà un protagonista, anche se ha subito due dei più attesi come Magical e Lord North ed è quindi da considerarsi una mezza sorpresa, a mio giudizio attendibile.

DESERT ENCOUNTER (100-1)
Dopo le quattro vittorie consecutive a fine 2019, con tre gruppi 3 ed un gruppo 1 in Canada, è ancora maiden nel 2020, avendo raccolto cinque piazzamenti in sei corse, finendo np solo in gruppo 1. Aveva forse opportunamente abbassato il tiro, ci riprova ai massimi livelli, ma recentemente è sembrato in calo, anche per cause anagrafiche. Corre in coda al gruppo, stavolta la risalita la vedo davvero complicata, nonostante lo stato del terreno non sia un problema.

EXTRA ELUSIVE (66-1)
Bene su terreni faticosi e sulla distanza, si è subito trovato bene con Hollie Doyle, vincendo due gruppi 3, prima di finire solo terzo da favorito ancora in gruppo 3 all'ultima. Corre solitamente in seconda posizione avanzando a palo lontano, anche se penso che sia già arrivato al suo top, e qui sarebbe richiesto un ulteriore passo avanti che sembra piuttosto improbabile.  

JAPAN (14-1)
Soggetto di classe e di carattere, che però ultimamente è parso in crisi. Ha praticamente fallito tutte le prove del 2020, ed il successo nelle International Stakes 2019 andando a prendere Crystal Ocean sembra molto lontano, così come l'eccellente quarto posto nel Prix de l'Arc de Triomphe (Gr 1) 2019. Se correrà per sé stesso, penso si sistemerà nelle retrovie per sfruttare l'andatura degli altri e piazzare il suo spunto, ma francamente temo che i giorni migliori siano oramai alle spalle.

LORD NORTH (8-1)
Da cavallo da buoni handicap si è trasformato in un soggetto classico, vincendo in listed a fine 2019 e successivamente, nel 2020, in gruppo 3 e nelle Prince of Wales's Stakes (Gr 1) nettamente davanti a Addeybb. Ha però parzialmente deluso nelle International Stakes (Gr 1) finendo terzo dietro a Magical, senza riuscire a cambiare marcia. Corre al coperto all'attesa, quindi un cambio di passo è obbligatorio... vediamo se riuscirà a riproporlo, anche se personalmente mi orienterò altrove. Bene sul pesante.

SAN DONATO (80-1)
Dopo tre vittorie a due anni, ha corso solo una volta a tre anni finendo terzo nella Poule D'essai Des Poulains (Gr 1), dopodichè è rimasto fermo 14 mesi. Rientrato con un secondo posto in gruppo 2, non si è più riconfermato, finendo al massimo terzo in una listed di Ayr vinta da Addeybb. Attendista, temo che la sua corsa migliore del 2020 l'abbia già fatta e questo tentativo sia piuttosto velleitario.

SKALLETI (10-1)
Score quasi perfetto con 12 vittorie e 2 terzi posti in 15 corse, questo attendista in arrivo dalla Francia viene dal successo ad inizio ottobre in gruppo 2 sul pesante di ParisLongchamp, corsa vinta anche nel 2019. Vincitore a novembre del Premio Roma (Gr 2), gradisce il terreno pesante e potrebbe sorprendere i più titolati avversari, anche se il livello di questa corsa sembrerebbe superiore al suo.

MAGICAL (2-1)
Cavalla fantastica, in serie positiva da tantissime corse, quest'anno sconfitta solo dal miglior Ghaiyyath, assente qui, e sul quale si è presa la rivincita nella corsa successiva. Sette gruppi 1 vinti, l'ultimo dei quali nelle Irish Champion Stakes, nelle quali batteva anche il vincitore dell'Arc. Corre al comando o tra i primi, in questo caso penso che lascerà la leadership ad altri. Detentrice del titolo, non ha problemi di terreno e stavolta non trova nà Ghaiyyath né Enable, anche se non mancano le insidie. Sarei felice per la sua eventuale vittoria, sia che la scelga oppure no.

MISHRIFF (3-1)
E' arrivato a quattro vittorie a seguire, incluso il Prix du Jockey Club (Gr 1), dopo corsa dietro i primi e qualche difficoltà a trovare lo spazio per correre, seguito dal netto successo in gruppo 2 sempre in Francia, dopo aver seguito il leader ed averlo passato e staccato con facilità. Ritrova anche Frankie in sella, e si candida come principale alternativa a Magical. Il terreno non è un problema, anzi dovrebbe ulteriormente favorirlo.

PYLEDRIVER (14-1)
Soggetto costato pochissimo, ha fatto un ottimo passaggio d'età , giungendo secondo al rientro nel 2020 in gruppo 3 e poi vincendo in gruppo 2 al Royal Ascot. Fuori quadro nel Derby di Epsom (Gr 1), si riscattava dominando in gruppo 2 a York, e dopo il tentativo nel St. Leger (Gr 1) di Doncaster su una distanza forse eccessiva, torna sui più graditi 10f con chances maggiori. Ho qualche dubbio sulla sua attitudine ad un terreno faticoso. Corre all'attesa nelle retrovie, e per recuperare da fondo gruppo il fondo allentato lo dovrà gradire per forza. Possibile sorpresa.

SERPENTINE (16-1)
Vincitore a sorpresa del Derby di Epsom (Gr 1) dopo una fuga in tandem finita nel migliore dei modi, era quarto all'ultima nel GP de Paris (Gr 1), dopo aver corso in quarta posizione ivi rimanendoci, a poco dal terzo posto. La quota per un derbywinner è davvero interessante, anche se a molti è sembrata quasi un caso la vittoria di Epsom. Io invece un pensiero ce lo faccio.
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 19289
FC: 28Fanta Coin
Messaggi/giorno: 18,93
Reazioni: 5227
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#9

Messaggio da orecchielunghe » 16/10/2020 - 16:50

Terminate le guide runner-by-runner dei quattro gruppi 1 del giorno, è il momento di passare ai pronostici.

Qipco British Champions Long Distance Cup (Group 2)

Provo ad andare contro Stradivarius tentando la sorpresa con Spanish Mission (16-1), che non ha sbagliato un colpo da quando è passato ad Andrew Balding. Vincitore con qualcosa ancora in mano della Doncaster Cup (Gr 2), dopo il successo in listed, è uno stayer fatto e finito e chissà che non faccia la sorpresona.

Qipco British Champions Sprint Stakes (Group 1)

corsa presentata al messaggio # 5
Mi affido ad One Master (6-1) dopo la bella prova di ParisLongchamp.

Qipco British Champions Fillies & Mares Stakes (Group 1)

corsa presentata al messaggio # 6
Wonderful Tonight (7-2), forse ancora in crescita dopo la vittoria di Parigi.

Queen Elizabeth II Stakes (Sponsored by Qipco) (Group 1)

corsa presentata al messaggio # 7
La quota di Nazeef (12-1) e la bella vittoria all'ultima sul pesante di Newmarket mi inducono a tentare la sorpresa.

Qipco Champion Stakes (Group 1)

corsa presentata al messaggio # 8
Provo con Addeybb (10-1), in forma ed a quota interessante.

Balmoral Handicap (Sponsored by Qipco)

Provo con Bell Rock (14-1), terzo del Cambridgeshire Handicap all'ultima ed in precedenza terzo in un handicap di Goodwood ad un muso dal secondo posto. Vincitore sul miglio di Newmarket, non disprezzabile sesto della Royal Hunt Cup del Royal Ascot, sembra ben periziato e potrebbe inserirsi nel discorso vittoria. Corre in gruppo e muove a 2f dal palo, non è certa l'adattabiltà al terreno soft, comunque penso che si possa considerare una delle sorprese possibili.
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 3206
FC: 1575Fanta Coin
Messaggi/giorno: 4,52
Reazioni: 2565
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#10

Messaggio da pacman » 17/10/2020 - 10:33

L'ultimo grande appuntamento del galoppo europeo è finalmente arrivato, un British Champions Day ricco di contenuti e di interessantissimi spunti tecnici.

Sul tracciato reale di Ascot alle ore 14.20 italiane daranno il via alle danze gli stayers sui 3200 metri della Long Distance Cup, prova di GR2 nella quale Stradivarius parte da gran favorito contro avversari piuttosto malleabili e su terreno favorevole ma lui dovrà sicuramente fare i conti con le dispendiose fatiche sostenute appena 13 giorni fa nell'Arc; per questo, quindio, occhio a sorprese come Trueshan o Dawn Patrol che pagano bene e sanno galoppare alla grande sulle lunghe distanze e su terreni lavorati.

Dopo di che inizierà la lunga sfilza di GR1 con le Sprint Stakes nelle quali non escludo il colpaccio a 30/1 di The Tin Man anche se la carta al momento ci dice che il cavallo da appoggiare è Dream Of Dreams che ha vinto la Haydock Sprint Cup in contesto piuttosto similare. Glen Shiel gli è finito vicinissimo in quell'occasione e corre bene da tempo, per cui non mi spiego il 16/1 e paragonando le quote potrebbe essere proprio lui il mio portacolori in questa corsa.

Fillies&Mares Stakes in cui mi sento di appoggiare senza troppi patemi d'animo Wonderful Tonight, vincitrice in bellissimo stile del Prix Royallieu ed annunciata ancora in gran condizione.
Tra le rivali non sottovaluterei Dame Malliot e Thundering Nights.

Queen Elizabeth II Stakes, la corsa di Falbrav, Rakti e Ramonti che nel giro di pochi anni l'hanno vinta e reso grande galoppo ed allevament italiano. Oltre che la corsa di Frankel, vincitore nel 2011.
Palace Pier a 3 anni rischia di diventare seriamente il nuovo crack dell'ippica mondiale: è imbattuto, ha già vinto al massimo livello ed arriva in ottima forma all'appuntamento, speriamo possa davvero farci sognare.
Circus Maximus non è mai troppo considerato ma dopo quello che ha fatto a giugno nelle Queen Anne io non lo lascio mai fuori dal podio, mentre Nazeef e The Revenant sono due soggetti seguiti al gioco che meritano la massima considerazione.

Altra corsa di Frankel, le Champion Stakes con le quali si congedò al mondo nel 2012 e lo fece in maniera ovviamente eccellente.
Andare contro Magical è difficile, cavalla fantastica che a 6 anni continua ad inanellare vittorie al massimo livello e potrebbe essere troppo forte anche per il miglior Mishriff, un eccellente 3 anni che sembra il rivale più accreditato.
Si rivede, poi, Addeybb, cavallo che corre sempre bene ma con l'arrivo dell'inverno boreale e dell'estate australe sembra acquisire una marcia in più... Quindi, occhio.
1 Immagine



robigno

Utente Partecipe
Messaggi: 39
FC: 1315Fanta Coin
Messaggi/giorno: 0,07
Reazioni: 23
Iscritto il: 02/05/2019 - 15:23

#11

Messaggio da robigno » 17/10/2020 - 11:37

Snai non inserisce Ascot neanche nel palinsesto complementare (Wolwerempton si) che schifo.  Per fortuna  c'è Betflag /sisal
1 Immagine

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 3206
FC: 1575Fanta Coin
Messaggi/giorno: 4,52
Reazioni: 2565
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#12

Messaggio da pacman » 17/10/2020 - 23:19

Giornata di vera gloria, questo British Champions Day, per due "coppie": la prima è una coppia di amici ed appassionati, pacman ed orecchielunghe, che portano a casa diversi vincenti e peraltro anche a quota clamorosamente shock, vedi l'11/1 di Trueshan ed il 16/1 di Glen Shiel, e l'altra è una vera coppia nella vita ed è quella formata dalla jockette Hollie Doyle ed il collega-compagno Tom Marquand. I due portano a casa 4 delle 7 corse in programma: lei vince la Long Distance Cup e le Sprint Stakes in sella proprio ai due cavalli citati poc'anzi, mentre lui fa risorgere Addeybb nelle Champion Stakes e trionfa con Njord nel Balmoral Handicap di chiusura. Stasera previsti grandi festeggiamenti in casa HM!

Andiamo comunque a ritroso...

Stradivarius troppo brutto per essere vero in apertura, finisce mestamente all'ultimo posto ed anche se di mezzo ci sono le fatiche sostenute nell'Arc personalmente ritengo possa esserci - purtroppo - altro. Speriamo di no, magari attendiamo qualche news nelle prossime ore dal suo entourage; ed ecco che intanto la bella e brava Hollie ne approfitta e con un gran sfangatore come Trueshan (figlio di Planteur, stallone in grossa crescita) va a precedere Search For A Song e Fujaira Prince, due soggetti anch'essi piuttosto attesi.

I velocisti vanno piuttosto piano (addirittura 1.16.74 il crono finale) e dal fango londinese la spunta ancora la Doyle con Glen Shiel che riesce a ribaltare la linea con uno spento Dream Of Dreams e coglie il successo più bello ed importante della carriera davanti a Brando (non valeva 80/1 certamente) e One Master che è ancora molto positiva dopo il terzo successo a seguire nel Prix de La Foret.

Tra le femmine è ancora splendida Wonderful Tonight, davvero facile su Dame Malliot e Passion e qui non posso far altro che dire come il 4/1 di chiusura fosse davvero regalato. Bravo David Menuisier a tenere in forma la cavalla che ora meriterebbe quasi un tentativo in America, chissà... Anche se 3 corse in un mese sono davvero tante.

In una lentissima edizione delle QEII Stakes meritato successo per The Revenant e Pierre Charles Boudot che migliorano il secondo posto dello scorso anno andando a vincere una prova molto confusa che ha visto perdere l'imbattibilità a Palace Pier (3°), il quale - a quanto pare - ha però perso un ferro nel finale. Mi piacerebbe vederlo nella BC Mile quest'ultimo, così come anche il francese, nonostante l'idea Hong Kong non sia neppure male...

Avevo preannunciato che Addeybb con l'arrivo della stagione invernale poteva tirar fuori i motivi migliori e così è stato: Champion Stakes portate a casa alla grande. Meraviglioso cavallo, migliorato tantissimo nelle ultime due stagioni e con le capacità per far bene ovunque, ora vediamo se decideranno nuovamente per l'avventura australiana.
Benissimo Skalleti che è secondo e porterà - qualora la trasferta venisse confermata - una ventata di alto rating all'ippica italiana l'8 novembre in occasione del Premio Roma, mentre al terzo c'è ancora Magical che forse si esprime meglio sui 2400. America o ritiro per lei? Padre Aidan ci dirà...

In chiusura, poi, classico mega Handicap all'inglese che è servito a Tom Marquand per pareggiare i conti con la sua compagna e mettere il sigillo su una giornata per loro meravigliosa.

In conclusione...

Top di giornata a mio avviso Addeybb, davvero sontuoso, anche se Wonderful Tonight gli contende la nomination. Flop tanti, su tutti Stradivarius. Salvata alla grande Magical che per me ha raccolto un terzo che vale veramente tanto.

Rispondi

Chi c’è in linea

Ora in questa categoria: Nessuno e 2 ospiti