calendario corse 2019

Quì potrete discutere di tutti gli argomenti che non sono presenti nelle altre categorie del forum.
Rispondi
Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 10787
FC: 152Fanta Coin
Reazioni: 2221
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#1

Messaggio da orecchielunghe » 28/12/2018 - 18:30

E' disponibile sul sito web del Mipaaft il calendario completo delle corse del 2019, mossa assolutamente sensata, come avviene in varie parti del mondo, che permetterà a scuderie ed allenatori di programmare con cura la stagione.

Per brevità, il link dove potrete trovare i calendari mese per mese è il seguente:

https://www.politicheagricole.it/flex/c ... gina/13483
1 Immagine 1 Immagine


se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 1831
FC: 1630Fanta Coin
Reazioni: 1214
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#2

Messaggio da pacman » 28/12/2018 - 23:19

Ho letto con moltissima attenzione i files dopo averli scaricati. 

Sono sincero, mi piace come è stato strutturato. E' vero, avremo riunioni scarne con 6 corse al galoppo e 7 al trotto, salvo eccezioni che comunque potrebbero e sicuramente si verificheranno durante la stagione classica. Bellissimo vedere Pisa fino ad aprile, Milano e Roma (a proposito, come siamo messi?) sempre piene di corse ed anche di buon livello.

Noto con piacere tante riunioni estive a Napoli e Varese, senza dimenticare Corridonia che porta sempre un gran flusso di pubblico e scommesse. Dispiace non vedere più Grosseto e Livorno, in compenso ci sarà Follonica che alternerà il trotto con il galoppo anche se il tracciato in queste riunioni invernali ha lasciato un pochino a desiderare. Immancabili le riunioni di Capalbio e Tagliacozzo, anche se soprattutto quest'ultimo sviluppa buoni campi partenti ed anche discrete quantità di scommesse, ed oggettivamente è un ippodromo in sabbia nato per il galoppo e non adattato come può essere stato Follonica. Ho notato, inoltre, riunioni assegnate a Ferrara e Casarano per il trotto: ippodromi che faranno anche bei numeri in quanto a partenti, ma non sarebbe stato forse meglio dirottare quelle risorse rispettivamente su Cesena e Napoli? Pensiero puramente personale.

Capitolo Gran Premi: calendario a mio avviso ben stilato, senza troppi accavallamenti (anche se qualcuno oggettivamente sembra esserci). Seregno e Gardone il sabato e Pisa il giorno dopo forse potevano essere evitati, così come il Presidente della Repubblica lo stesso giorno del D'Alessio: mettiamoli ad un paio di settimane di distanza e forse qualcosina in più raccogliamo. Sempre pensiero mio, considerando inoltre che al di là del Signorino il 5 maggio, per quanto la proposizione di corsa possa essere identica, fino al 19 tutto vuoto per i mezzofondisti e milers tra Roma e Milano. A quel punto mettiamo il Signorino il 28 aprile, giorno delle Ghinee, e proviamo il Repubblica ad inizio maggio, ma probabilmente il discorso fatto è stato quello di accumulare maggiore qualità possibile il 19 maggio, giornata faro di tutto l'anno.

Dopo di che si scatenerà Milano, dove il 23 giugno ci saranno cinque corse di rilievo tra cui Oaks e GP Milano, udite udite a... 3000 metri!!! Questa è una scommessa che mi piace: siamo in pieno Royal Ascot, che terminerà il giorno prima, quindi tutti i migliori sui 2400 metri saranno lì, siamo in pieno periodo Jockey Club in Francia e Derby in Germania, invece per i fondisti l'unica occasione è la Gold Cup, ma lì parliamo del top dei top. Per cui tra Italia, Francia, Germania, Europa orientale e forse pure qualcosina dal Regno Unito, si potrebbe costruire una bella corsa e visto mai si riescano a raggiungere rating importanti per iniziare a riportarla ai fasti di una volta. E i 3000 di San Siro si fanno sentire eh!!! Bene anche l'estate varesina con le principali corse dilazionate nelle varie serate, e quella altoatesina con le belle corse in programma a metà agosto a Merano, mentre a Napoli sarà tutto concentrato nella serata del Città di Napoli, purtroppo ormai declassato da qualche anno a Listed Race. Giornata bellissima sarà il 20 ottobre a Milano con Di Capua, Dormello, Jockey Club, Gran Criterium e via dicendo... Manca solo la qualifica di GR1 ma i montepremi non mancano! Roma darà il meglio di se domenica 3 novembre proponendo Lydia Tesio (ancora unico GR1 del galoppo italiano), Pr. Roma, Ribot, Carlo e Francesco Aloisi, Berardelli e Rumon. Ho riflettuto molto sul Lydia Tesio ed il Roma nuovamente lo stesso giorno, ma alla fine sono giunto alla conclusione che è una scelta ponderata e potenzialmente fattiva per la giornata stessa: essendo GR1 ed essendo ben remunerato, tanti proprietari stranieri scenderanno con le loro cavalle per il Tesio, ma la presenza del Roma e di altre belle corse potrebbe invogliarli a trasferte "di gruppo", cosa purtroppo non pienamente avvenuta lo scorso anno, per dar colore ad alcune corse che negli ultimi anni purtroppo sono state molto spente. Per cui, "up" su questa decisione, sperando abbia risultati migliori, confidando anche in pagamenti più rapidi, dello scorso anno!

Noto, infine, con gran piacere, ippodromi come Pisa - che a mio avviso è un ambiente in cui si respira ippica a pieni polmoni - e Siracusa sempre molto presenti nel computo degli Handicap Principali e Listed Races, corse sempre divertenti e ricche di spunti interessanti.

 
2 Immagine

Avatar utente

Autore Argomento

orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 10787
FC: 152Fanta Coin
Reazioni: 2221
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#3

Messaggio da orecchielunghe » 29/12/2018 - 6:37

pacman ha scritto:
28/12/2018 - 23:19
Ho letto con moltissima attenzione i files dopo averli scaricati. 

Sono sincero, mi piace come è stato strutturato. E' vero, avremo riunioni scarne con 6 corse al galoppo e 7 al trotto, salvo eccezioni che comunque potrebbero e sicuramente si verificheranno durante la stagione classica. Bellissimo vedere Pisa fino ad aprile, Milano e Roma (a proposito, come siamo messi?) sempre piene di corse ed anche di buon livello.

Noto con piacere tante riunioni estive a Napoli e Varese, senza dimenticare Corridonia che porta sempre un gran flusso di pubblico e scommesse. Dispiace non vedere più Grosseto e Livorno, in compenso ci sarà Follonica che alternerà il trotto con il galoppo anche se il tracciato in queste riunioni invernali ha lasciato un pochino a desiderare. Immancabili le riunioni di Capalbio e Tagliacozzo, anche se soprattutto quest'ultimo sviluppa buoni campi partenti ed anche discrete quantità di scommesse, ed oggettivamente è un ippodromo in sabbia nato per il galoppo e non adattato come può essere stato Follonica. Ho notato, inoltre, riunioni assegnate a Ferrara e Casarano per il trotto: ippodromi che faranno anche bei numeri in quanto a partenti, ma non sarebbe stato forse meglio dirottare quelle risorse rispettivamente su Cesena e Napoli? Pensiero puramente personale.

Capitolo Gran Premi: calendario a mio avviso ben stilato, senza troppi accavallamenti (anche se qualcuno oggettivamente sembra esserci). Seregno e Gardone il sabato e Pisa il giorno dopo forse potevano essere evitati, così come il Presidente della Repubblica lo stesso giorno del D'Alessio: mettiamoli ad un paio di settimane di distanza e forse qualcosina in più raccogliamo. Sempre pensiero mio, considerando inoltre che al di là del Signorino il 5 maggio, per quanto la proposizione di corsa possa essere identica, fino al 19 tutto vuoto per i mezzofondisti e milers tra Roma e Milano. A quel punto mettiamo il Signorino il 28 aprile, giorno delle Ghinee, e proviamo il Repubblica ad inizio maggio, ma probabilmente il discorso fatto è stato quello di accumulare maggiore qualità possibile il 19 maggio, giornata faro di tutto l'anno.

Dopo di che si scatenerà Milano, dove il 23 giugno ci saranno cinque corse di rilievo tra cui Oaks e GP Milano, udite udite a... 3000 metri!!! Questa è una scommessa che mi piace: siamo in pieno Royal Ascot, che terminerà il giorno prima, quindi tutti i migliori sui 2400 metri saranno lì, siamo in pieno periodo Jockey Club in Francia e Derby in Germania, invece per i fondisti l'unica occasione è la Gold Cup, ma lì parliamo del top dei top. Per cui tra Italia, Francia, Germania, Europa orientale e forse pure qualcosina dal Regno Unito, si potrebbe costruire una bella corsa e visto mai si riescano a raggiungere rating importanti per iniziare a riportarla ai fasti di una volta. E i 3000 di San Siro si fanno sentire eh!!! Bene anche l'estate varesina con le principali corse dilazionate nelle varie serate, e quella altoatesina con le belle corse in programma a metà agosto a Merano, mentre a Napoli sarà tutto concentrato nella serata del Città di Napoli, purtroppo ormai declassato da qualche anno a Listed Race. Giornata bellissima sarà il 20 ottobre a Milano con Di Capua, Dormello, Jockey Club, Gran Criterium e via dicendo... Manca solo la qualifica di GR1 ma i montepremi non mancano! Roma darà il meglio di se domenica 3 novembre proponendo Lydia Tesio (ancora unico GR1 del galoppo italiano), Pr. Roma, Ribot, Carlo e Francesco Aloisi, Berardelli e Rumon. Ho riflettuto molto sul Lydia Tesio ed il Roma nuovamente lo stesso giorno, ma alla fine sono giunto alla conclusione che è una scelta ponderata e potenzialmente fattiva per la giornata stessa: essendo GR1 ed essendo ben remunerato, tanti proprietari stranieri scenderanno con le loro cavalle per il Tesio, ma la presenza del Roma e di altre belle corse potrebbe invogliarli a trasferte "di gruppo", cosa purtroppo non pienamente avvenuta lo scorso anno, per dar colore ad alcune corse che negli ultimi anni purtroppo sono state molto spente. Per cui, "up" su questa decisione, sperando abbia risultati migliori, confidando anche in pagamenti più rapidi, dello scorso anno!

Noto, infine, con gran piacere, ippodromi come Pisa - che a mio avviso è un ambiente in cui si respira ippica a pieni polmoni - e Siracusa sempre molto presenti nel computo degli Handicap Principali e Listed Races, corse sempre divertenti e ricche di spunti interessanti.

Non ho analizzato così in profondità il calendario, ti ringrazio per le tue considerazioni assolutamente centrate.
Aggiungo solo pochi commenti, avendo tu spiegato in maniera esauriente la situazione.
Parlando solo di galoppo, per quanto riguarda la novità dell'anno, il GP di Milano sui 3000 metri, era da un po' che se ne parlava. Ci può anche stare, ma mi auguro che i libretti prevedano delle prove di preparazione e selezione sulla distanza.
Mi sembra che il resto della programmazione ricalchi a grandi linee quella del 2018, con la concentrazione dei GP nelle giornate più importanti, come del resto preannunciato dal Mipaaft nella dichiarazione programmatica antecedente la pubblicazione dei calendari.
Salvo errori ed omissioni, per restare all'inizio del 2019, mi pare che la Sardegna rimarrà senza corse nei primi tre mesi dell'anno. mentre qualche riunione è stata tolta a Varese. Dicevi di Capalbio... non così immancabile ahimè, visto che quest'anno si doveva correre ad agosto e non si è corso poichè c'erano in essere trattative sulla vendita dell'area; saltata la vendita, si sarebbe dovuto correre a dicembre, ma anche in questo caso, dopo l'inserimento in calendario, non si è corso ed il montepremi è finito a Pisa.
Roma avrà poche corse a gennaio, mentre Napoli ne avrà molte di più che non le pochissime della fine di quest'anno. Immagino che questa riduzione dell'attività di Capannelle sia legata ai problemi, tuttora irrisolti a quanto mi risulta, della gestione dell'impianto.
Benissimo Pisa fino a fine aprile, qualche sovrapposizione con San Siro, ma ogni giornata in più a Pisa è sempre benvenuta.
Personalmente avrei auspicato meno riunioni e di conseguenza montepremi più alti pro-corsa, per favorire viaggi dei cavalli più frequenti, corse qualitativamente più elevate e ricche di partenti. Il discorso del più corse = più scommesse non è sempre valido, considerando che per le scommesse oramai mi pare si scelga la qualità, e possibilmente la regolarità, delle corse stesse. In questo caso, le corse estere sembrano essere più interessanti di quelle italiane, soprattutto di basso livello.
Per finire, sono contento che il Lydia Tesio, che pensavo già retrocesso a gruppo 2, abbia mantenuto lo status di gruppo 1, sperando che i pagamenti dei premi eseguiti in modo più solerte attiri nuovamente cavalli e scuderie straniere, che potranno nobilitare le nostre pattern a suon di rating e salvare o elevare lo status delle principali.
 
se tutto va bene siamo rovinati

Avatar utente


Viking

Pronoman
Messaggi: 5048
FC: 364Fanta Coin
Reazioni: 1609
Iscritto il: 10/05/2018 - 9:42

#4

Messaggio da Viking » 29/12/2018 - 11:20

Finalmente tutto il calendario per l'anno......per il trotto noto per fortuna che è stato ridotto il montepremi del derby riportandolo a circa 770 mila euro, e inoltre sono stati reinseriti alcuni GP, come il Marangoni a Torino e anche il l'Ivone Grassetto a Padova che si disputerà quest'anno per la prima volta insieme all'Elwood medium del 13 Giugno :festa: .....per il resto non ho guardato ancora bene mese per mese, comunque già il fatto che sia stato fatto per tutto l'anno direi che è una buona notizia..... :)
1 Immagine

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 1831
FC: 1630Fanta Coin
Reazioni: 1214
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#5

Messaggio da pacman » 29/12/2018 - 21:14

orecchielunghe ha scritto:
29/12/2018 - 6:37
Non ho analizzato così in profondità il calendario, ti ringrazio per le tue considerazioni assolutamente centrate.
Aggiungo solo pochi commenti, avendo tu spiegato in maniera esauriente la situazione.
Parlando solo di galoppo, per quanto riguarda la novità dell'anno, il GP di Milano sui 3000 metri, era da un po' che se ne parlava. Ci può anche stare, ma mi auguro che i libretti prevedano delle prove di preparazione e selezione sulla distanza.
Mi sembra che il resto della programmazione ricalchi a grandi linee quella del 2018, con la concentrazione dei GP nelle giornate più importanti, come del resto preannunciato dal Mipaaft nella dichiarazione programmatica antecedente la pubblicazione dei calendari.
Salvo errori ed omissioni, per restare all'inizio del 2019, mi pare che la Sardegna rimarrà senza corse nei primi tre mesi dell'anno. mentre qualche riunione è stata tolta a Varese. Dicevi di Capalbio... non così immancabile ahimè, visto che quest'anno si doveva correre ad agosto e non si è corso poichè c'erano in essere trattative sulla vendita dell'area; saltata la vendita, si sarebbe dovuto correre a dicembre, ma anche in questo caso, dopo l'inserimento in calendario, non si è corso ed il montepremi è finito a Pisa.
Roma avrà poche corse a gennaio, mentre Napoli ne avrà molte di più che non le pochissime della fine di quest'anno. Immagino che questa riduzione dell'attività di Capannelle sia legata ai problemi, tuttora irrisolti a quanto mi risulta, della gestione dell'impianto.
Benissimo Pisa fino a fine aprile, qualche sovrapposizione con San Siro, ma ogni giornata in più a Pisa è sempre benvenuta.
Personalmente avrei auspicato meno riunioni e di conseguenza montepremi più alti pro-corsa, per favorire viaggi dei cavalli più frequenti, corse qualitativamente più elevate e ricche di partenti. Il discorso del più corse = più scommesse non è sempre valido, considerando che per le scommesse oramai mi pare si scelga la qualità, e possibilmente la regolarità, delle corse stesse. In questo caso, le corse estere sembrano essere più interessanti di quelle italiane, soprattutto di basso livello.
Per finire, sono contento che il Lydia Tesio, che pensavo già retrocesso a gruppo 2, abbia mantenuto lo status di gruppo 1, sperando che i pagamenti dei premi eseguiti in modo più solerte attiri nuovamente cavalli e scuderie straniere, che potranno nobilitare le nostre pattern a suon di rating e salvare o elevare lo status delle principali.
 
Sulle scommesse indubbiamente hai ragione, anche se ippodromi come Corridonia in estate hanno sempre portato bel volume di gioco e grande numero di gente al campo, e non ti nego che un giorno (o meglio, una sera) mi piacerebbe viverla quell'atmosfera.

Sull'eventuale riduzione delle corse per un maggior montepremi è indubbiamente vero, ma poi si dovrebbero coprire i buchi con le corse estere. Ci si riuscirebbe in maniera equilibrata? A mio avviso, con un programma ragionato e serio, sì.

Su Capalbio hai ragione, dimenticavo questo aneddoto, ma fino a due anni fa ci ha comunque fatto compagnia; ottimo intrattenimento per chi decide di trascorrere l'estate in riviera, ma a livello qualitativo purtroppo non ci siamo.

Sull'unione delle grandi corse nelle stesse giornate, come ho già detto, al momento ci può stare, provando nella speranza che i proprietari esteri portino diversi cavalli da far correre, ma su questo il pagamento e le tempistiche contano molto.
 
1 Immagine

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 1831
FC: 1630Fanta Coin
Reazioni: 1214
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#6

Messaggio da pacman » 29/12/2018 - 21:15

Viking ha scritto:
29/12/2018 - 11:20
Finalmente tutto il calendario per l'anno......per il trotto noto per fortuna che è stato ridotto il montepremi del derby riportandolo a circa 770 mila euro, e inoltre sono stati reinseriti alcuni GP, come il Marangoni a Torino e anche il l'Ivone Grassetto a Padova che si disputerà quest'anno per la prima volta insieme all'Elwood medium del 13 Giugno :festa: .....per il resto non ho guardato ancora bene mese per mese, comunque già il fatto che sia stato fatto per tutto l'anno direi che è una buona notizia..... :)

Personalmente non conosco molto bene le sfaccettature del calendario del trotto, anche se le corse da te citate sono di rilevanza assoluta. Visto che ci sei, ne approfitto: il Gran Premio Unione Europea che ho letto, è una novità oppure è già stato disputato?

E sul calendario per tutto l'anno assolutamente d'accordo.
2 Immagine

Avatar utente


Viking

Pronoman
Messaggi: 5048
FC: 364Fanta Coin
Reazioni: 1609
Iscritto il: 10/05/2018 - 9:42

#7

Messaggio da Viking » 30/12/2018 - 7:43

pacman ha scritto:
29/12/2018 - 21:15
Personalmente non conosco molto bene le sfaccettature del calendario del trotto, anche se le corse da te citate sono di rilevanza assoluta. Visto che ci sei, ne approfitto: il Gran Premio Unione Europea che ho letto, è una novità oppure è già stato disputato?

E sul calendario per tutto l'anno assolutamente d'accordo.

Il gran premio Unione europea è stato disputato per la prima volta quest'anno a Napoli(e in pratica ha sostituito il GP d'Europa appuntamento tradizionale di Milano) ed è stato inserito anche per il prossimo anche se non si è ancora deciso dove disputarlo..... ;)
2 Immagine

Avatar utente


pacman

Moderatore
Messaggi: 1831
FC: 1630Fanta Coin
Reazioni: 1214
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#8

Messaggio da pacman » 30/12/2018 - 17:55

Viking ha scritto:
30/12/2018 - 7:43
Il gran premio Unione europea è stato disputato per la prima volta quest'anno a Napoli(e in pratica ha sostituito il GP d'Europa appuntamento tradizionale di Milano) ed è stato inserito anche per il prossimo anche se non si è ancora deciso dove disputarlo..... ;)

Perfetto, grazie! Ora mi è tutto più chiaro. :)
1 Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite