PRIX JACQUES LE MAROIS (Gruppo 1) - DEAUVILLE 13/08/2023

Dottò

Moderatore
Staff Forum
L'evento clou dell'estate normanna e di tutto il Meeting Lucien Barrière è rappresentato dal PRIX DU HARAS DE FRESNAY-LE-BUFFARD JACQUES LE MAROIS (Gr 1), per maschi interi e femmine di 3 anni ed oltre sui 1600 metri in pista dritta, e con un montepremi € 1.000.000.

La giornata di Deauville prevede la disputa di quattro corse di gruppo come da programma seguente:

PRIX DU HARAS DE FRESNAY-LE-BUFFARD JACQUES LE MAROIS (Gr 1) - maschi interi e femmine di 3 anni ed oltre - 1600 metri (p.d.) - montepremi € 1.000.000
PRIX GONTAUT-BIRON HONG KONG JOCKEY CLUB (Gr 3) - 4 anni ed oltre - 2000 metri - montepremi € 80.000
CIRCUS MAXIMUS PRIX FRANCOIS BOUTIN (Gr 3) - 2 anni - 1400 metri (p.d.) - montepremi € 80.000
PRIX MINERVE (Gr 3) - femmine di 3 anni - 2500 metri - montepremi € 80.000

I rimasti iscritti del JLM sono al momento 18, per i campi partenti definitivi occorrerà attendere l'11 agosto.

Alla vigilia della corsa, verrà pubblicata la consueta guida runner-by-runner con una breve descrizione di tutti i partecipanti.

Nel frattempo, ripropongo il video della vittoria del Marois 2022 di Inspiral.

 

Dottò

Moderatore
Staff Forum
PRIX DU HARAS DE FRESNAY-LE-BUFFARD JACQUES LE MAROIS (Gr 1)

guida runner-by-runner

EREVANN
Dopo quattro vittorie e due terzi posti in sei corse, ha conosciuto il primo np all'ultima finendo quinto di sei nel Prix d'Ispahan (Gr 1) di ParisLongchamp, arrivando comunque a contatto del vincitore in un arrivo serratissimo tra i primi cinque. Vincitore del Prix Daniel Wildenstein (Gr 2) di ottobre 2022, era stato terzo dell'edizione 2022 di questa corsa dietro Inspiral e Light Infantry che ritrova. A suo agio sul percorso e con sole due corse disputate nel 2023, sebbene chiuse al terzo posto nel Prix du Muguet (Gr 2) ed al quinto nel Prix d'Ispahan (Gr 1), penso che faccia parte dei probabili protagonisti della corsa. Corre solitamente all'attesa nella seconda metà del gruppo.

TRIPLE TIME
Ha all'attivo quattro vittorie ed altri due podi in sette corse, incluso il successo a sorpresa all'ultima sul miglio in pista dritta delle Queen Anne Stakes (Gr 1) del Royal Ascot davanti ad Inspiral e Light Infantry. Il precedente viaggio in Francia non aveva dato esito (np del Prix Daniel Wildenstein Gr 2 di Erevann), ma le altre prove in patria erano state positive, con vittoria fino a livello di gruppo 3. La brillante prestazione dell'ultima gli accredita chances di successo. Ha corso in tutti i modi possibili.

ONESTO
Il vincitore del Prix Greffulhe (Gr 2) di Saint-Cloud e del Grand Prix de Paris (Gr 1) di ParisLongchamp e successivamente secondo delle Irish Champion Stakes (Gr 1) di Leopardstown 2022, aveva chiuso la stagione con il tentativo, peraltro fallito, nella Japan Cup (Gr 1) di Tokyo dalla quale rientra. Ha mancato il podio sia nel Prix du Jockey Club (Gr 1) di Chantilly che nel Prix de l'Arc de Triomphe (Gr 1) di ParisLongchamp 2022, ma la classe c'è tutta ed anche se al rientro da diversi mesi di assenza, penso che possa ambire ad un posto sul podio. I dubbi vengono dal debutto in un tracciato in pista dritta e dalla distanza sensibilmente più breve rispetto al solito, ma se il suo team ha scelto questo appuntamento per il ritorno alle competizioni, avrà avuto le sue buone ragioni. Corre all'attesa nelle retrovie.

LIGHT INFANTRY
Imbattuto a due anni in due corse fino a livello di gruppo 3, a tre anni ha corso due volte su questa pista, ottenendo due secondi posti nel Prix Jean Prat (Gr 1) a 1400 metri e nell'edizione 2022 di questa corsa dietro ad Inspiral e davanti ad Erevann. Non vince una corsa da ottobre 2021, quest'anno ha all'attivo un terzo posto nel Bet365 Mile (Gr 2) di Newmarket/July, un np nelle Lockinge Stakes (Gr 1) di Newbury, un secondo nel Prix d'Ispahan (Gr 1) di ParisLongchamp poco avanti a Erevann ed un terzo all'ultima nelle Queen Anne Stakes (Gr 1) del Royal Ascot dietro Triple Time ed Inspiral. Sembra barrato per la vittoria da qualche linea diretta negativa e dal fatto che pur piazzandosi spesso non vince ormai da sette corse, comunque non va escluso per il podio. Ha corso in tutti i modi possibili.

INSPIRAL
La detentrice del titolo, vincitrice davanti a Light Infantry ed Erevann, necessita di un terreno galoppabile come dimostrato dal fallimento nelle Sussex Stakes (Gr 1) nelle quali è arrivata ultima di cinque. Male anche su un terreno good to soft nelle Queen Elizabeth II Stakes (Gr 1) di ottobre 2022, nel mezzo è stata seconda nelle Queen Mary Stakes (Gr 1) del Royal Ascot vinte da Triple Time. Sembra comunque in una forma meno appariscente rispetto al 2021/2022, quando vinse le prime cinque corse della carriera e sei delle prime sette, con l'esclusione del secondo posto delle Falmouth Stakes (Gr 1) di Newmarket/July. Oltre al Marois 2022 aveva vinto in gruppo 1 riportando le Coronation Stakes del Royal Ascot 2022 ed il Bet365 Fillies' Mile 2021. Soggetto di classe, mi pare sia un po' in calo ma certamente non va esclusa, solamente non credo che sarà la mia portabandiera per questa corsa. Corre spesso all'attesa nelle retrovie.

LIFE IN MOTION
Dopo il secondo posto nel Prix de Sandringham (Gr 2) di Chantilly, ha vinto tre listed a seguire tra il 2022 ed il 2023. Il viaggio a Newmarket per le Dahlia Stakes (Gr 2) ha portato un quarto posto lontano dalla vincitrice, e dopo un np in gruppo 3 ha ottenuto all'ultima il secondo posto nel Prix Rothschild (Gr 1) di fine luglio su questa C&D. La recente corsa di gruppo 1 non era poi così qualitativa, ed a confronto con questi avversari penso che avrà vita dura. Corre solitamente dietro i primi.

HI ROYAL

Terzo e primo in due minor events a due anni, si piazzava 4°/2°/3° nelle prime tre corse del 2023, prima in una condizionata di classe 2 di Newmarket/July, a crescere fino al secondo posto delle 2000 Guineas (Gr 1) di Newmarket e poi ancora terzo nelle Irish 2000 Guineas (Gr 1) del Curragh. Ci si aspettava di più all'ultima nel Prix Jean Prat (Gr 1) su questa pista a 1400 metri, ma finiva nelle retrovie. Ci riprova sul miglio, forse più adatto alle sue caratteristiche, ma le tante lunghezze prese da Good Guess sembrano indicare un calo di forma. Cionostante i risultati nelle ghinee parlano chiaro e potrebbe tornare a brillare su una distanza più adatta. Solitamente corre nelle prime posizioni.

MARHABA YA SANAFI
Partito dal basso a due anni quando vinceva due corse sul PSF, a tre anni rientrava con un secondo posto in gruppo 3, per poi vincere a sorpresa la Poule d'Essai des Poulains (Gr 1) di ParisLongchamp. Allungava a 2100 metri prendendo parte al Prix du Jockey Club (Gr 1) chiudendo ottimo terzo dietro Big Rock. Ha già sorpreso positivamente nelle tre corse del 2023, quindi non si può escludere un'altra prestazione sopra le righe. Debutta su un tracciato in pista dritta ma la distanza dovrebbe essere giusta per lui. Corre solitamente in testa o tra i primi.

GOOD GUESS
Vincitore in gruppo 3 al rientro stagionale dopo prove alterne a due anni, ha poi fallito la Poule d'Essai des Poulains (Gr 1) di Marhaba Ya Sanafi. Si riscattava con un secondo posto in gruppo 3 per poi vincere di un nulla a sorpresa il Prix Maurice de Gheest (Gr 1) di sette giorni fà. L'impegno ravvicinato, la distanza superiore e l'opposizione più forte sembrano essere problemi difficili da affrontare, comunque gradisce senz'altro la pista e la condizione è ai massimi. Ha corso sia al comando che, come all'ultima, all'attesa nelle retrovie.

ANGERS
Buoni risultati anche se non eccezionali a due anni, quest'anno è rientrato con un np in listed, poi solo terzo in un minor event di ParisLongchamp prima della vittoria all'ultima con amplissimo margine nelle German 2000 Guineas (Gr 2) di maggio, nonostante una deviazione nel finale. Debutta in pista dritta e trova avversari più forti, dovrà fare la corsa della vita per emergere ma non mi sento di escluderlo totalmente, poiché penso che abbia ancora qualche margine di miglioramento. Ha corso in tutti i modi possibili.

BIG ROCK
Aveva iniziato la carriera come un qualsiasi soggetto senza particolari ambizioni, ma alla seconda del 2023 vinceva sul PSF di Chantilly iniziando la serie di quattro successi consecutivi fino a livello di gruppo 3. All'ultima tentava il Prix du Jockey Club (Gr 1) ma trovava sulla sua strada l'ottimo Ace Impact e doveva accontentarsi della piazza d'onore. Penso che il miglio in pista dritta sia ben più indicato per le sue caratteristiche che non i 2100 metri di Chantilly, in ogni caso debutta sul percorso in dirittura trovando avversari già esperti di questo tipo di corsa, ma non va assolutamente sottovalutato. Corre abitualmente al comando.
 

Dottò

Moderatore
Staff Forum
Così in Francia viene celebrata l'ottava di vittoria di Frankie nel Prix Jacques Le Marois (Gr 1)
😊


1691960708716.jpeg
 
Top