PEGASUS WORLD CUP - 26 GENNAIO 2019

Qui si parla sul Galoppo in generale, nazionale ed internazionale.. Di tutto tranne del pronostico della giornata odierna, di cui si parla nel topic relativo alla giornata.
Rispondi

Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#1

Messaggio da pacman » 14/01/2019 - 21:16

Eccoci qui, più carichi che mai, pronti ad avvicinarci ad un appuntamento decisamente nuovo dell'ippica mondiale ma già molto sentito e carico di pregio e valore, sia tecnico che economico.

Il 26 gennaio si disputerà la terza edizione della PEGASUS WORLD CUP nell'ippodromo di Gulfstream Park, che ha già ospitato le edizioni 2017 e 2018.

La prima edizione si è disputata il 28 gennaio 2017 e la corsa principale di tutta la kermesse, appunto la World Cup, si disputa sui 1800 metri del tracciato sabbioso, il Dirt, ed è aperta a cavalli purosangue di tre anni ed oltre

L'idea di introdurre questo appuntamento è stata di Frank Stronach durante la conferenza dei proprietari tenutasi nel gennaio 2016 proprio a Gulfstream; il progetto iniziale prevedeva la disputa in un ippodromo tra Santa Anita e Gulfstream, scelta poi ricaduta appunto su quest'ultimo, sulla distanza dei 2000 metri in un periodo dell'anno in genere "morto" e che non ostacolasse nè la Breeders' Cup nè la Dubai World Cup ed inoltre il periodo invernale di gennaio poteva permettere anche ad alcuni cavalli di grande qualità di chiudere la carriera con questa corsa e non con la BC, visto che la stagione riproduttiva nordamericana inizia mediamente nella metà di febbraio.

L'organizzazione delle prime due edizioni, alla fine sulla distanza dei 1800 metri attuali, è stata molto particolare: il montepremi nel 2017 era di 12 milioni di dollari, con 12 azionisti/proprietari che pagavano 1 milione di dollari per "prenotare" il posto di partenza, e lo stesso si è ripetuto nel 2018 con ulteriori 4 milioni finanziati dal gruppo Stronach ed un montepremi di ben 16 milioni di dollari. Per quest'anno, invece, a mio avviso scelta molto più logica e che regalerà spettacolo e prestigio alla manifestazione, ossia montepremi di 9 milioni di dollari per "lasciarne" 7 alla Pegasus World Cup Turf ed invogliare maggiormente i cavalli provenienti dall'Europa in un periodo, come già detto, particolare della stagione.

La corsa è stata subito catalogata di Grade 1, in quanto ha preso il posto del Donn Handicap, che è stato la rampa di lancio stagionale per cavalli come Cigar, Brass Hat, Invasor, Quality Road e tanti altri.

Nel 2017 vi fu la definitiva consacrazione di Arrogate, che doveva sfidare sulla carta California Chrome ma quest'ultimo accusò problemi in corsa finendo nelle retrovie e lasciano via libera al cavallo montato da Mike Smith che vinse quasi per dispersione, mentre lo scorso anno a vincere fu Gun Runner, autore della doppietta con la BC Classic, in una corsa nella quale montò anche Frankie Dettori in sella a Toast Of New York, che disputava la sua seconda corsa nel giro degli ultimi tre anni.

Per quanto riguarda l'edizione 2019, il race day prevederà 9 corse totali, di cui 7 che faranno da contorno alle due prove principali, quella sui 1900 metri del Turf e quella dei 1800 metri del Dirt.

La corsa sul Dirt si prevede molto agguerrita con le possibilissime partecipazioni di Accelerate, vincitore della BC Classic 2018 ed il suo runner-up, Gunnevera, oltre all'attesissimo messicano Kukulkan, vincitore della Triple Crown locale, che in sella avrà Frankie Dettori

Parlando invece della corsa in erba, la qualità ancora un pochino manca, ma teniamo pure in considerazione che la stagione classica su questa superficie inizia a marzo ed i migliori si tengono caldi per il Dubai Turf di fine marzo, mentre qui parteciperanno soprattutto i "giramondo", dai locali ai giapponesi passando per gli europei rappresentati da Magic Wand, pupillo di Coolmore, altro colosso dell'ippica che ha spinto molto per la realizzazione di questo evento da affiancare all'unica corsa sul Dirt.

In questo thread vi terremo aggiornati sulle notizie che giorno dopo giorno verranno fuori, sperando di fare un buon lavoro e, chissà, di riuscire ad organizzare un buon live per la serata di sabato 26 gennaio.
1 Immagine



Avatar utente


orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 8499
FC: 797Fanta Coin
Reazioni: 1322
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#2

Messaggio da orecchielunghe » 15/01/2019 - 6:44

In attesa del 26 gennaio, ecco i video dell'edizione 2017 (Arrogate) e 2018 (Gun Runner).

 
 
2 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#3

Messaggio da pacman » 18/01/2019 - 10:39

Va a delinearsi sempre più il lotto dei partecipanti alla Pegasus World Cup di sabato prossimo con i dodici che sembrano ormai essere noti e, in ordine decrescente di rating, sono i seguenti:

Accelerate, vincitore della BC Classic 
City Of Light, vincitore della BC Dirt Mile
Gunnevera, secondo della BC Classic
Seeking The Soul, terzo del Clark Handicap e secondo della BC Dirt Mile
Kukulkan, vincitore della Triple Crown messicana
Bravazo, secondo del Clark Handicap e terzo della BC Dirt Mile
Audible, vincitore del Florida Derby e terzo del Kentucky Derby
- McKinzie, vincitore delle Malibu Stakes
Patternrecognition, vincitore del Cigar Mile
True Timber, secondo del Cigar Mile
Something Awesome, vincitore di GR2 e GR3 nel 2018
Tom'S D'Etat, vincitore delle Tenacious Stakes

Quasi superfluo sottolineare come si possa già suddividere il gruppo in diversi tronconi, con la prima metà oggettivamente con molte più chances, ma guai a sottovalutare coloro che sulla carta sembrano partire battuti perchè diversi tra essi hanno corso con profitto nel periodo e questo può significare molto.

Per quanto riguarda l'edizione sul Turf, il campo partenti è ancora un pochino più in alto mare con il solo Bricks And Mortar praticamente certo della partecipazione. 
Nei prossimi giorni sapremo dirvi di più.
 
1 Immagine


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#4

Messaggio da pacman » 22/01/2019 - 23:13

Inizia a delinearsi il campo dei partenti, soprattutto per quel che riguarda le monte, per la Pegasus World Cup e l'omonima sul Turf.

Come già anticipato, Frankie Dettori salirà in sella al messicano Kukulkan per provare ad aggiungere al suo straordinario palmares un'altra perla di assoluto valore, ma la "novità" è che monterà anche nella PWC Turf e lo farà proprio per il gruppo Stronach che lo ha messo su Delta Prince, mentre salvo imprevisti potrebbe essere protagonista della corsa anche Luca Panici che gli americani danno in sella a Dubby Dubbie, un 4 anni che oggettivamente affronta avversari difficili ma sarebbe un successo anche solamente esserci per il "nostro" Luca! Da battere, per tutti, ci sarà il giapponese Aerolithe, con Florent Geroux, mentre Magic Wand e gli altri cavalli di O'Brien impegnati nelle altre corse di giornata dovrebbero essere montati da Wayne Lordan piuttosto che dal più atteso Ryan Moore, almeno da quel che dice Equibase, uno dei principali portali dell'ippica americana.

 
1 Immagine

Avatar utente


orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 8499
FC: 797Fanta Coin
Reazioni: 1322
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#5

Messaggio da orecchielunghe » 23/01/2019 - 0:31

pacman ha scritto:
22/01/2019 - 23:13
Inizia a delinearsi il campo dei partenti, soprattutto per quel che riguarda le monte, per la Pegasus World Cup e l'omonima sul Turf.

Come già anticipato, Frankie Dettori salirà in sella al messicano Kukulkan per provare ad aggiungere al suo straordinario palmares un'altra perla di assoluto valore, ma la "novità" è che monterà anche nella PWC Turf e lo farà proprio per il gruppo Stronach che lo ha messo su Delta Prince, mentre salvo imprevisti potrebbe essere protagonista della corsa anche Luca Panici che gli americani danno in sella a Dubby Dubbie, un 4 anni che oggettivamente affronta avversari difficili ma sarebbe un successo anche solamente esserci per il "nostro" Luca! Da battere, per tutti, ci sarà il giapponese Aerolithe, con Florent Geroux, mentre Magic Wand e gli altri cavalli di O'Brien impegnati nelle altre corse di giornata dovrebbero essere montati da Wayne Lordan piuttosto che dal più atteso Ryan Moore, almeno da quel che dice Equibase, uno dei principali portali dell'ippica americana.

 
Personalmente ritengo Wayne Lordan uno degli migliori fantini, anche se spesso viene relegato da Aidan O'Brien come terza o quarta monta del suo gruppo, oppure inviato chissà dove in caso gli altri siano impegnati in corse più importanti. La decisione, se verrà confermata, mi sorprende e non poco, essendo abituato a vedere, dopo Ryan Moore, i vari Seamie Heffernan e Donnacha O'Brien salire sui soggetti del gruppo Coolmore in ordine di importanza, prima del bravissimo Wayne. Comunque anche gli altri nominati sono assolutamente di prima classe, quindi la scelta si presenta comunque difficile.
 
se tutto va bene siamo rovinati


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#6

Messaggio da pacman » 23/01/2019 - 0:38

orecchielunghe ha scritto:
23/01/2019 - 0:31
Personalmente ritengo Wayne Lordan uno degli migliori fantini, anche se spesso viene relegato da Aidan O'Brien come terza o quarta monta del suo gruppo, oppure inviato chissà dove in caso gli altri siano impegnati in corse più importanti. La decisione, se verrà confermata, mi sorprende e non poco, essendo abituato a vedere, dopo Ryan Moore, i vari Seamie Heffernan e Donnacha O'Brien salire sui soggetti del gruppo Coolmore in ordine di importanza, prima del bravissimo Wayne. Comunque anche gli altri nominati sono assolutamente di prima classe, quindi la scelta si presenta comunque difficile.
 

In effetti in giro vi è un pò di discordanza, alcuni dicono Ryan Moore ed altri Wayne Lordan.

Per gli appassionati di ippica si sa come Equibase sia uno tra i siti americani più completi ed aggiornati e personalmente mi fido abbastanza, anche se il discorso monte può cambiare da un momento all'altro; per ora Wayne Lordan dato partente sui due di O'Brien in pista in giornata e due impegni anche per Luca Panici, di cui uno nella PWC Turf.

Personalmente anch'io mi sarei aspettato, e forse mi aspetto ancora, Ryan Moore sui Coolmore visto il prestigio delle corse, seppur di recentissima storia, ma per il momento sembra che vedremo il giovane e bravo Lordan alle prese con questa esperienza americana.
1 Immagine


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#7

Messaggio da pacman » 24/01/2019 - 21:37

Finalmente abbiamo i partenti definitivi per la kermesse di sabato.

Alle ore 22.51, a sfidarsi nella Pegasus World Cup Turf, saranno in 10 con il giapponese Aerolithe probabilissimo favorito. Frankie Dettori, come detto, su Delta Prince e Dubby Dubbie affidato a Luca Panici. Come già accennato ieri, sugli O'Brien ci sarà Wayne Lordan.

Nella Pegasus World Cup Classic, in programma alle ore 23.46, nessun cambiamento sostanziale con Accelerate e Gunnevera pronti a darsi battaglia per la rivincita della BC Classic, ma occhio agli avversari che sono parecchi ed agguerriti.

Appuntamento a domani con i pronostici approfonditi di queste due corse.
1 Immagine


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#8

Messaggio da pacman » 25/01/2019 - 20:18

Sulla storia, l'organizzazione e le curiosità varie di questo evento abbiamo già detto tutto, ne abbiamo parlato in lungo e in largo, mentre ora passiamo alla parte prettamente tecnica, con i pronostici della PEGASUS WORLD CUP TURF e della PEGASUS WORLD CUP CLASSIC.


PEGASUS WORLD CUP TURF - GRADE 1 (3 ANNI ED OLTRE) - 1850 METRI - TURF - ORE 22.51 ITALIANE

Prima edizione della PWC Turf, con dotazione di 7 milioni di dollari, "sottratti" dai ben 16 che erano previsti lo scorso anno dalla Classic. Saranno al via in dieci: europei, giapponesi ed americani e, con orgoglio dico, ben due italiani: Frankie Dettori, che ovviamente non ha bisogno di presentazioni, e Luca Panici, il quale ormai da anni si è ritagliato una gran bella carriera nel Paese a stelle e strisce.
Parto col il dire che la qualità dei cavalli in campo non è per nulla compatibile con il montepremi messo a disposizione, ma la modalità di iscrizione che avviene acquistando uno stallo di partenza chiaramente favorisce anche una prevalenza dell'economia sulla qualità; ci sono tre o quattro cavalli che si elevano dal resto del gruppo, a me piace molto Catapult (9), attualmente anche piuttosto giocato, con Joel Rosario in sella ed uno score invidiabile soprattutto sul Turf, a differenza di altri che sembrano andare meglio sulla sabbia. Secondo di Expert Eye nella BC Mile, in precedenza aveva vinto due belle Grade 2 a Del Mar e, come detto in precedenza, non trattandosi oggi di una categoria così proibitiva, il suo progresso potrebbe contare molto; inoltre è un cavallo che corre nella pancia del gruppo e presumo che dalla gabbia numero 9 la tattica possa venirgli bene.
Attendiamo, poi, Yoshida (2) al ritorno sul Turf dopo tante belle prestazioni sul Dirt, per ultime il quarto posto nella BC Classic e la vittoria a Saratoga nelle Woodward Stakes; ricordiamo che a giugno 2018 fu quinto nelle Queen Anne Stakes al Royal Ascot.
Molto ben vociferato il giapponese Aerolithe (4), soggetto un pò alterno ma che oggi trova distanza idonea alle sue caratteristiche e se il terreno dovesse essere buono o comunque galoppabile credo che possa giocarsi le sue belle chances: in patria, nel corso della carriera, soprattutto nell'ultimo anno, ha comunque preceduto tanti bei cavalli che poi si sono riproposti ad alti livelli, Suave Richard e Sungrazer su tutti.
Bricks And Mortar (7) va a completare il quartetto dei favoriti: stiamo parlando di un cavallo che non è un fenomeno, ma che trova in questa corsa l'occasione di diventare un campione dopo tante belle corse di Grade 2 e Grade 3 vissute da protagonista.
Sulla carta, ahimè, chances inferiori per i cavalli di Dettori e, soprattutto, di Luca Panici, che salirà su un Dubby Dubbie fermo dalle Secretariat Stakes di agosto ma che recentemente ha cambiato training; chissà...
Dovendo indicare invece un black-horse, mi orienterei sulla pedina della connection Coolmore-O'Brien, Magic Wand (1): l'assenza di Ryan Moore, per quanto Wayne Lordan sia un jockey assolutamente valido e stimato, non mi convince troppo sulla sua condizione, ma è pur sempre quarta, a contatto, della BC Filly&Mare e precedentemente runner-up sia del Vermeille che dell'Opera a Parigi; non vince dalle Ribblesdale Stakes di Ascot ma a mio avviso va tenuta in considerazione.

Pronostico: 9 Catapult - 2 Yoshida - 4 Aerolithe - 7 Bricks And Mortar
La sorpresa: 1 Magic Wand



PEGASUS WORLD CUP CLASSIC - GRADE 1 (3 ANNI ED OLTRE) - 1800 METRI - DIRT - ORE 23.36 ITALIANE


Eccoci qui, pronti per la terza edizione della PWC Classic, con ben 9 milioni di dollari in palio. In 12 hanno acquistato la "slot" di partecipazione e qui, oggettivamente, il livello è decisamente compatibile con montepremi e palcoscenico.
Il favorito d'obbligo è Accelerate (5), vincitore della BC Classic e di tante altre Grade 1 che non sto qui ad elencare; la sua quota attualmente è di poco sopra al 2/1 ed oggettivamente ci sta tutta. Pensate, però, l'ultima volta che ha perso lo ha fatto per mano di City Of Light (3), andato poi a vincere in gran bello stile la BC Dirt Mile e secondo me un pò troppo sottovalutato alla vigilia di questa corsa perchè, attenzione, si corre sui 1800 metri e non sui 2000, il che è ben differente, nonostante Accelerate abbia vinto anche su questa distanza.
Altre buone forze del campo possono essere Pattern Recognition (12), in grossa crescita, Gunnevera (8), runner up di Accelerate nella BC Classic, e Seeking The Soul (4) che se dovesse imbroccare la giornata giusta diventerebbe molto molto pericoloso.
Capitolo Kukulkan (9): in tutto il mondo è dato come l'ultimo del campo, nonostante la Triple Crown messicana vinta e la Listed vinta a spasso il mese scorso a Gulfstream. Ho visto il video dell'ultima prova della Triple Crown ed erano in quattro a correre, mentre nelle Caribbean Stakes di Gulfstream ha sì vinto di dieci ma ha dovuto comunque impegnarsi piuttosto a fondo e gli avversari non erano trascendentali. Insomma, credo proprio che per ben figurare servirà l'ennesimo miracolo di Frankie...

Pronostico: 5 Accelerate - 3 City Of Light - 12 Pattern Recognition - 8 Gunnevera
La sorpresa: 4 Seeking The Soul
1 Immagine



manzotin

Utente Dipendente
Messaggi: 356
Reazioni: 259
Iscritto il: 08/12/2018 - 18:59

#9

Messaggio da manzotin » 25/01/2019 - 20:31

anche a me non dispiace Magic wand nella PWCT una curiosità a riguardo della forma più o meno a freccia in su... Da novembre... ultima corsa a churchill Downs. ... e' rimasta in USA o no ?


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#10

Messaggio da pacman » 25/01/2019 - 21:12

manzotin ha scritto:
25/01/2019 - 20:31
anche a me non dispiace Magic wand nella PWCT una curiosità a riguardo della forma più o meno a freccia in su... Da novembre... ultima corsa a churchill Downs. ... e' rimasta in USA o no ?

Questo sinceramente non lo so, in giro non riesco neanche a trovare interviste che possano esserci di aiuto. 

Certo, se dovesse essere rimasta lì e proseguito un percorso di training appositamente per questa corsa - considerando anche il livello alto ma non eccezionale - potrebbe essere davvero un fattore.

La cosa che mi fa dubitare è l'assenza di Ryan Moore; per carità, Wayne Lordan è un grande jockey che ammiro moltissimo, però senza Ryan Moore ho come l'impressione che potrebbe non essere pronta come dovrebbe. Magari domani verrò smentito e vincerà di dieci!!!
1 Immagine

Avatar utente


orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 8499
FC: 797Fanta Coin
Reazioni: 1322
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#11

Messaggio da orecchielunghe » 26/01/2019 - 8:18

Premesso che sono molto poco esperto di galoppo USA ed in generale extraeuropeo, provo lo stesso a cimentarmi in un pronostico per le due prove della Pegasus. A supporto della mia scarsa conoscenza dell'argomento, ricordo il mio zero nella seconda giornata della Breeder's Cup 2018, nè un vincente nè un piazzato in quell'infausto giorno, reso ancora più amaro dalla disfatta totale del mio idolo, Roaring Lion, nel Classic.

Per la PWC dirt, andando contro Accelerate, provo una sorpresa da 9-1, Audible, vincitore del Florida Derby su questa distanza, al culmine di quattro successi a seguire tra i due ed i tre anni. Era poi terzo del Kentucky Derby dietro al compagno di colori Justify, che molto probabilmente avrebbe chiuso la carriera qui se non avesse avuto il guaio fisico che lo ha costretto al ritiro definitivo prima del tempo. Le due corse successive il KY Derby, di caratura decisamente inferiore, hanno portato una vittoria sull'insolita distanza dei 7 furlongs ed un secondo posto in gruppo tre sui 1700 metri al primo confronto con gli anziani. Da osservare anche in ottica DWC, avendo aperta l'iscrizione.

Nella PWC Turf, provo con Catapult, 7-2, come sappiamo secondo di Expert Eye nel BC Mile, con in precedenza due vittorie a Del Mar, una delle quali sui 1800 metri. Tre vittorie e tre secondi posti nelle ultime sei sono indicative della sua costanza al palo, sembra più un miler, ma proprio la vittoria alla terz'ultima nell'Eddie Read HP sul miglio e 1/8 mi stuzzica la fantasia. Javier Castellano in sella è un plus.


 
1 Immagine
se tutto va bene siamo rovinati


Autore Argomento

pacman

Utente Guru
Messaggi: 913
FC: 1972Fanta Coin
Reazioni: 612
Iscritto il: 17/11/2018 - 14:43

#12

Messaggio da pacman » 26/01/2019 - 10:06

Attendiamo anche altri contributi!

E magari uniamoci per un "mini-live" questa sera perchè le corse sono belle e ci sono anche gli italiani da tifare!!!

Avatar utente


orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 8499
FC: 797Fanta Coin
Reazioni: 1322
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#13

Messaggio da orecchielunghe » 26/01/2019 - 10:27

pacman ha scritto:
26/01/2019 - 10:06
Attendiamo anche altri contributi!

E magari uniamoci per un "mini-live" questa sera perchè le corse sono belle e ci sono anche gli italiani da tifare!!!

Temo che non ci sarò per il live, ma nel caso ti prego se possibile segnalarci il link per seguire le corse in diretta... magari il canale di Dubai :hum:
se tutto va bene siamo rovinati



manzotin

Utente Dipendente
Messaggi: 356
Reazioni: 259
Iscritto il: 08/12/2018 - 18:59

#14

Messaggio da manzotin » 26/01/2019 - 19:09

provo il pronostico nella PWCT
n.1 Magic Wand per i risultati europei che a mio modesto parere pesano molto di più corse di G1 in USA spesso troppo gonfie nel montepremi rispetto alla qualità dei partenti .
n.2 yoshida ottima qualità e un 5/15 ad ascot in G1 segno che il cavallo c'è anche a livello extra USA e questo per me vale molto.
n.3 Channel Maker. curriculum di tutto rispetto ed ora entrano inel gioco i fantini

n.1 Magic Wand con una "riserva" in sella w.lordan perché non al top o perché la "riserva" si è meritato sul campo i gradi per correre questa corsa. Io mi sbilancio per la seconda opzione. In questa corsa ad esempio non corre luis saez (il top jockey a gulfstream) quindi potevano ingaggiare una riserva qualsiasi.
n.2 yoshida - José Ortiz . fantino tra i più vincenti a gulfstream.
n.3 Channel Maker - Javier castellano. Non ha bisogno di presentazioni e a quota 10 è molto invitante.

Per chiudere

le corse le vincono i cavalli ma le perdono i fantini
1 Immagine

Avatar utente


orecchielunghe

Pronoman
Messaggi: 8499
FC: 797Fanta Coin
Reazioni: 1322
Iscritto il: 11/01/2018 - 9:11
Località: Leggiuno

#15

Messaggio da orecchielunghe » 26/01/2019 - 19:47

manzotin ha scritto:
26/01/2019 - 19:09
provo il pronostico nella PWCT
n.1 Magic Wand per i risultati europei che a mio modesto parere pesano molto di più corse di G1 in USA spesso troppo gonfie nel montepremi rispetto alla qualità dei partenti .
n.2 yoshida ottima qualità e un 5/15 ad ascot in G1 segno che il cavallo c'è anche a livello extra USA e questo per me vale molto.
n.3 Channel Maker. curriculum di tutto rispetto ed ora entrano inel gioco i fantini

n.1 Magic Wand con una "riserva" in sella w.lordan perché non al top o perché la "riserva" si è meritato sul campo i gradi per correre questa corsa. Io mi sbilancio per la seconda opzione. In questa corsa ad esempio non corre luis saez (il top jockey a gulfstream) quindi potevano ingaggiare una riserva qualsiasi.
n.2 yoshida - José Ortiz . fantino tra i più vincenti a gulfstream.
n.3 Channel Maker - Javier castellano. Non ha bisogno di presentazioni e a quota 10 è molto invitante.

Per chiudere

le corse le vincono i cavalli ma le perdono i fantini

Dice il saggio: se il cavallo è un mulo, non vince nemmeno con Frankie in sella... Ma se il cavallo è un treno, con Frankie è molto probabile che vinca, con un Carneade può anche perdere.
se tutto va bene siamo rovinati

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite